CRONACA

Nel pc di Mattia Del Zotto le prove dell'omicidio

Avvelenamento col tallio, l'assassino ha contattato un'azienda genovese

giovedý 07 dicembre 2017
Avvelenamento col tallio, l'assassino ha contattato un'azienda genovese

GENOVA - C'è anche una azienda con sede a Genova Pra tra quelle contattate da Mattia Del Zotto, il giovane di Nova Milanese arrestato con l'accusa di omicidio per avvelenamento da tallio dei nonni paterni e della zia. 

Dai file salvati nel computer gli inquirenti sono riusciti a risalire alle diverse aziende che Del Zotto ha  per aquistare l'elemento chimico che, in certe dosi e circostanze, risulta letale per l'uomo. Tra queste anche una genovese. I flaconi usati per avvelanare i familiari però proverrebbero però da un'altra azienda italiana.     

Il ragazzo usava come password del computer sequestrato nel corso dell'indagine la parola: "gloriosoDIO". Questo quando reso pubblico nell'ordinanza di custodia cautelare in carcere con cui il gip di Monza Federica Centonze ha accolto la richiesta del procuratore della Repubblica di Monza Luisa Zanetti di arresto del giovane.

Il laptop è quello in cui è stato trovato il file relativo all'ordine di acquisto del solfato di tallio, in sei flaconi, "per un importo di 248,88 euro". Il file, riporta il provvedimento, "all'interno di una cartella di sincronizzazione impostata di default dal servizio di archiviazione dati in remoto". 

Del Zotto, nel corso dell'interrogatorio, avrebbe poi confessato l'omicidio.

Commenti



I NOSTRI BLOG