CRONACA

In primo grado due anni al sacerdote

Anziana raggirata a Ceriale, parroco di Dolcedo condannato

mercoledý 09 maggio 2018
Anziana raggirata a Ceriale, parroco di Dolcedo condannato

DOLCEDO - Nessuna circonvezione di incapace, ma appropriazione indebita. Con questa accusa Don Carmelo Licciardello, parroco di Dolcedo(Im), è stato condannato in primo grado a 2 anni di reclusione e 300 euro di multa per appropriazione indebita.

Il parroco, 45 anni, doveva rispondere dell’accusa di aver, tra il marzo 2011 e il luglio 2015 a Ceriale, raggirato una parrocchiana ultranovantenne aprendo un conto cointestato dove la donna aveva poi versato 94 mila euro.

A questo punto erano iniziati i movimenti sospetti nei conti e,da accertamenti della Guardia di Finanza, che aveva verificato che alla donna erano stati sottratti circa 70 mila euro, senza conteggiare il movimento in denaro contante difficile da tracciare.

Proprio questi movimenti bancari avevano messo in allerta le Forze dell'Ordine e, a seguito di un accertamento medico legale dal quale la novantenne è risultata incapace di intendere e volere, era scattata l'accusa nei confronti del prete ed il sequestro preventivo emesso dal GIP di Savona

Francesco Meloni dei 70 mila euro sottratti alla vittima.

Contestazione che Don Licciardello ha sempre respinto con decisione spiegando che tutte quelle operazioni avevano il benestare della signora che sarebbe stata pienamente cosciente di quanto faceva

Oggi la sentenza di primo grado che, una volta depositata la motivazione potrà essere impugnata dall’avvocato di parte del sacerdote.

(Foto da Sanremonews.it) 

Commenti


I NOSTRI BLOG