Comme se scrive ‘zeneize’ in zeneize?

5 apr 2016 by Franco.Bampi, 16 Commenti »


Pe risponde a sta domanda chi, a primma cösa ch’a ven da fâ a l’é quella d’anâ a çercala in sciô Cazassa. Donque: Zenâ, Zéneo, Zenestra, Zenoggiâ… Belìcitere! A paròlla zeneize a no gh’é! O ciù gròsso vocabolaio zeneize italian o no registra a paròlla zeneize! In realtæ, da quarche atra parte anche o Cazassa o scrive ‘zeneize’. Pe saveine de ciù anæ a leze quello che gh’é scrito in sciô TIG.

Dita sta coîxitæ, a paròlla ‘zeneize’ l’an scrita coscì, con doe zitte, o Fugetta (XVI sec.), o Cavalli (XVII sec.), o De Franchi (XVIII sec.), o Martin Piaggio, o Baçigalô, o Cazassa, o Frixon, o Gazzo, insomma: tutti! Do resto e doe zitte se prononçian pæge e no se vedde o motivo pe scrivile despæge.

Tutto saieiva ciæo se no ghe fise i “etimologisti” i quæ dixan che zeneize o vegne da ‘genoense’, che a ‘g’ a vegne ‘z’ (comme in ‘gengiva’ ch’a ven zenzia), mentre a segonda zitta a va scrita ‘s’ perché in ‘genoense’ a l’é scrita coscì. E tò-u li che sciòrte feua a scritua: zeneise!

’N’interesante analixi da question etomològica a l’é stæta fæta da-o Redendo Salbriggio a p. 10 do Gazetin de San Pê d’Ænn-a do zenâ do 2016 (clicca chi pe lezila). O Redendo o nòtta che o son da zitta de Zena, pe-e paròlle che vegnan da-o latin, o gh’à armeno sette diverse òrigini. E pe fane acapî o problema o decidde de marcâ o son in zeneize co-in ponto interogativo. Ecco cös’o scrive:

A-o prinçipio de ’na paròlla,
1) da-o latin GE/GI, GEnua=?ena
2) Derivòu da-a J, Jugum=?ovo
Comme derivaçion de intervocaliche (saiva a dî tra doe vocale) inti caxi:
3) S, RoSa=Reu?a
4) NS, MeNSis=Mei?e
5) J, PeJus=Pe?o
6) GE/GI, ReGEre=Re?e / CaliGIne=Cai?e
7) DI, MeDIus=Me?o

A sto ponto chi a domanda a l’é: dæto che inte tutti sti sette caxi chi dove gh’é ‘?’ niatri lezemmo o son da zitta de Zena, perché dêuviâ letie diferenti pe-o mæximo son? A seu rispòsta a l’é: pe conplicâ e cöse senplici! E o l’azonze: «Ghe saieiva ciutòsto da domandase in baze a cöse zeneiSe o saieiva ciù etimològico de zeneiZe se no pe-a raxon da convinçion de chi o deçidde».

Ecco, mi a penso pròpio comme lê. Pe questo quande veuggio parlâ do zeneize, de quello bon, de quello adêuviòu da-i megio scritoî zeneixi, diggo che quello o l’é in ‘zeneize con doe zitte‘.

Pe fortunn-a che, pe sciortine feua, gh’é a grafia ofiçiâ e che ghe semmo tutti niatri (e semmo davei in tanti!) che se demmo da fâ pe tegnî viva a nòstra bella lengoa zeneize con doe zitte!

Alegri!

16 Commenti

  1. pep scrive:

    Buon giorno. Vorrei dire tre cose

    -Questo dibattito è appassionante -ma speriamo che venga fatto senza passione! o almeno che la ragione abbia la meglio sulla (troppa) passione, perche qui tutti vogliono bene al genovese!

    -la ricerca etimologica di per se non è “colpevole” di niente. Lo stesso Redendo lo ammette quando si domanda in baze a cöse zeneiSe o saieiva ciù etimològico de zeneiZe 

    -un mio dubbio (e scusate perche immagino questa questione sia stata commentata parecchie volte): se non vogliamo dêuviâ letie diferenti pe-o mæximo son , non sarebbe forse meglio che la “s” prendesse il posto della “ç”?. Questo allontanerebbe il genovese di lingue come la mia, il catalano -dove c´è la ç e dove la s può avere il suono dolce- ma forse sarebbe pienamente coerente

    è quello che sembra suggerire la grammatica del Costa: http://carlocosta.info/pdf/Grammatica_Genovese_4.pdf

    (anche se c´è una cosa che non capisco: il Costa parla,pag. 62, di una tradizione contraria, e non so bene a cosa si riferisca)

    Tutto questo visto da fuori -non sono neanche italiano, quindi scusae i sgoaroìn-
    (a proposito Banpi, sciâ l´a scrito “mi a penso pròpio comme l’é ” e fòscia a frase a saieiva “comme lê”. Cose che capitano a tutti, non ha importanza)

    graçie e alegri!

    • Franco.Bampi scrive:

      A mæ pai a grafîa ofiçiâ a l’à mantegnuo a ç sensa sostitoila co-a s perché a l’é a preuva ciù ciæa che o zeneize o no vegne da l’italian ch’o no ghe l’à.

      Me pâ che o Còsta o digghe che gh’é ‘na tradiçion contraia a dêuviâ o mæximo segno pò-u mæximo son.

      Pe urtimo: ma dov’ò scrito “mi a penso pròpio comme l’é” che no riescio a trovâ?

      • Franco.Bampi scrive:

        Eh, cao pep! Quande se gh’à i euggi fodræ de carnesâ! L’ò scrito chi de d’ato e no eo ariêscio a trovalo! Ben òua l’ò coretto. Graçie.

  2. ebe buono raffo scrive:

    Intanto me saieiva câo savéi quante personn-e che parlan zeneize san cös’a segge l’etimologia, e me scappa zà da rîe.
    Son d’acòrdio che quelli scignôri che fan tante polemiche àgian solo quae de conplicâ e cöse senplici, coscì se dan in pö d’inportànsa, perché scinn-a a vêi nisciùn savéiva chi foîsan.
    Scignorîa !

  3. Giancarlo scrive:

    Queste polemiche sulla grafia hanno francamente rotto le scatole. Ma ci rendiamo conto che la battaglia (già di per sé esecrabile) fra chi vorrebbe difendere il genovese si svolge sulla scrittura della parola “zeneize”?

    La grafia con la “s” è perfettamente corretta non solo secondo l’etimologia, ma anche con l’intera tradizione letteraria della lingua (che grafa “casa”, “savoneise”, etc.), mentre quella con “z” è basata su un criterio maggiormente fonetico. Non avete proprio cause migliori a cui dedicare la vostra attenzione?

    Mah…

    • Franco.Bampi scrive:

      Cao sciô Giancarlo,

      inte ‘n blog bezeugna trovâ di argomenti pe stimolâ a discuscion; e chi inte sto blog ‘ZeneiZe tomorrow’ emmo parlòu de tante cöse e pochiscimo de grafia; pe dila ciæa a mi e polemiche in sciâ grafia no m’interessan: a grafia ofiçiâ a gh’é, a l’é adêuviâ da tanti (sciben che no ghe segge goæi personn-e che scrivan in zeneize), a fonçionn-a e a raprezenta o ciù megio strumento pe çercâ de sarvâ o zeneize.

      Voscià scià l’à scrito quello che scià l’à ritegnuo de scrive; atri an rispòsto e comentòu: me pâ che quello ch’ò scrito o l’a stimolòu a discuscion e de questo no pòsso che esine contento. Donque in graçie anche a voscià pe avei contriboio.

    • Filippo Noceti scrive:

      Ecco, sì, hanno davvero rotto le scatole.

      Mi scuso con tutti se scrivo italiano ma così mi può capire anche chi col genovese ha poca familiarità.

      Esiste l’academia do brenno che da anni si dà da fare per la grafia.

      Ha elaborato una grafia, condivisibile o no, perfetta o no che sia, di sicuro non indiscutibile.

      Qualcuno ha preferito, anzi in diversi hanno preferito, fare la guerra anziché mettersi attorno ad un tavolo per discuterne ed evitare ai tanti amanti del genovese la “menata” di queste diatribe sterili e poco interessanti.

      Ebbene, costoro sono i sostenitori della grafia cosiddetta etimologica che, è dimostrato, è etimologica solo in funzione di ciò che viene lì deciso. Lo dimostra l’articolo del signor Salbrigio.

      Dopodiché, scusate, dire che la tradizione vuole la S è una balla, Dante diceva che se avessero abolito la Z i genovesi avrebbero dovuto inventarsi una nuova lingua e, mi pare che si dica nell’articolo di intestazione, il termine Zeneize è il più usato nella storia letteraria del genovese.

      In ultimo. Tutte queste nuove grafie, che creano confusione e disamore, con tutti gli aggiustamenti che adoperano per autolegittimarsi – Lo stesso Toso, quando cita l’opera del Cavalli “çittara zeneize” la riporta come “çittara zeneise” per darsi ragione – siano esse “etimologiche” (che alla fin fine non vuol dire niente) o “tradizionali” (che hanno un senso solo parziale) dimostrabno di non avere la forza della “grafia ofiçià”, ovvero la coerenza e la possibilità di essere imparate facilmente e facilmente comprese da tutti.

  4. Angela Cavanna scrive:

    Son d’accordo con o sció Giancarlo. Mi no me ne capiscio guèi de ste còse, ma scrive “caza” o me pà stranio..

  5. Peo scrive:

    Certo che sembra strano, lì per lì, in genovese scrivere “caza” invece che “casa”. Ma
    la “grafia ofiçiâ” non è nata per contraddire la tradizione (ad esempio la “o” si pronuncia “u”, come nei “classici”). E’ semplicemente un sistema, razionale e pratico, per poter scrivere esattamente come si parla. E viceversa. Basta adottare quelle poche regolette che essa enuncia. E’ anche un sistema ottimo per chi, come ad esempio il sottoscritto, ha imparato a parlare genovese da (molto) adulto e non lo sapeva scrivere. Perché uno che non è molto pratico, se in genovese trova scritto “casa”, beh, probabilmente lo pronuncerà esattamente, con la “s” sonora. Ma se trova scritto “tanabeuso” (ripostiglio), quella “s” è quella di “sole” o quella di “rosa”? Non possiamo pretendere che tutti siano esperti linguisti e vadano a colpo sicuro sulla “s” sonora, perché si trova tra due vocali. Ma se ho imparato che la “s” sonora si scrive sempre “z”, non ho più questo problema, scrivo e pronuncio esattamente “tanabeuzo”. Io non vedo nessunissimo motivo per cui, se trovo scritto “zeneise”, non debba pronunciare la “z” come “s” sonora e la “s” come “s” sorda (stride maledettamente).
    Al giorno d’oggi il genovese, purtroppo, è poco parlato, e quasi niente scritto. L’adozione del sistema di “scrivere come si parla” è la più pratica ed è l’unica che ha dato un sistema con poche, precise, regole e pochissime eccezioni per poter scrivere correttamente.

  6. Francesco scrive:

    Bun-na giurnà a tutti,
    a propoxitu de etimologia, ne veuggio dì un-na au cuntraiu: da zeneize a italian! A l’è a
    parolla “sciguelu”(fischietto) diventà in italian “sivorello” ( quellu sciguelu di mainae che u se peu modulà).
    Alegri! (e nu faeve sangue marsu, a-a giurnà d’ancheu nu se sa mancu ciù l’italian….)

  7. VentoDeZena scrive:

    Stesso son, stessa z. Dunque se scrive zeneize.
    Dîto questo, davei..o zeneize o l’é in condissioin pescime e se dividemmo anche in te questo?

  8. Enrico scrive:

    L’etimologia a peu servî pe dimostrâ che a grafia che ûsemmo a l’è coerente con e seu origini in quante o zeneize o no l’à attrovòu a-a primma ‘n’applicassion grafica comme l’italian perché o l’è stæto pe ben ben do tempo solo parlòu, ma solo finn-a a’n çerto punto: quande ‘na cosa a l’è consolidâ e a ne piaxe coscì, tegnimosela pe bonn-a e coninuemmo a scive “zeneize” con due zitte.
    Rico

  9. Zorzo scrive:

    l’é proprio ‘na bèlla seiànn-a zenéize !
    Alégri !

  10. Roberto Canepa scrive:

    Il genovese è un dialetto senza valore, che non serve a niente. Non capisco il senso di queste discussioni inutili. La lingua di Genova, come quella di tutta Italia, è ovviamente l’italiano.

Lascia un commento

L’inportansa da grafia ofiçiâ

L’amigo Zòrzo Òdon o l’é stæto protagonista de ’n interesante esperimento de letua e conversaçion dov’o l’à provòu a mostrâ

Lescico e scintasci

Devo famene ’na raxon e pigiâ nòtta che tanti pensan che quande se parla do zeneize tutto va ben. In

A lengoa leteraia

A lengoa leteraia

Se ne sente parlâ e de spesso no s’acapisce cöse s’intende quande se dixe: lengoa leteraia. Ma cöse diascoa a

È corretto cambiare la grafia dell’autore che si cita?

Inte questo comento o Marco Rosci, dòppo avei lezuo quello che gh’é scrito chi: “No moiò tutto arrëo” cit. da

CATEGORIE

Link utili

Search

Archivio