Ma cöse veu dî gabibbo? E da dov’o vegne?

31 mar 2016 by Franco.Bampi, 10 Commenti »

Chi a Zena mi l’ò senpre sentio adêuviâ pe indicâ i meridionali, in pö comme a paròlla ‘teron’, ma sensa cativeia. Però screuvo ch’o veu dî anche asperto, furbo. E pâ che l’Antonio Ricci, quand’o l’à çernuo sta paròlla pe-o seu personaggio, o Gabibbo, o se segge riferio a questo segondo scignificato e no a quello de meridionale. O termine o no l’é solo zeneize: inta verscion co-a ‘c’, cabibbo, o s’atreuva into friulan, into veneçian e no solo li.

O l’é in fæto che i vocabolai stòrichi do zeneize no o registran. O primmo a registralo o l’é o Michelangelo Dolcino into seu “E paròlle do gatto”, Erga, Genova 1989, dov’o scrive:

Gabibbo – Individuo nato nel Sud d’Italia. Certo da una voce araba, più verosimilmente “habib”, felice e anche amico.

Chi mi veuggio concludde co-ina coîxitæ: quello ch’o l’à scrito do 1938 l’Antonio Giusti in sciâ rivista: Giornale storico letterario della Liguria, anno XIV, fascicolo I, Società Ligure di Storia Patria, 1938, p. 132, n. 5.

Il vocabolo gabibbu s’incontra in parecchie zone della Liguria (per es. La Spezia, Cogoleto ecc.) e indica un uomo scaltro e senza scrupoli, a volte manesco e prepotente; viene dall’arabo cabib «capo». Non posso far a meno di pensare al protagonista di quel film «Il bandito della Casbah», che gli indigeni di Algeri chiamano appunto cabib; l’eroe del romanzo cinematografico ha non poche caratteristiche del ligure gabibbu.

E chi nasce ’n problema: da dove vegne a paròlla gabibbo? Da habib, amigo, ò da cabib, cappo?

Alegri!

Quarche riferimento in sciâ Ræ:
[LIJ] Gabibbo
CABIBO/CABIBBO – GABIBBO
Il dizionario dei Goriziani – Lettera C

10 Commenti

  1. VentoDeZena scrive:

    Anche mi saveivo che o vegne da a parolla habib, araba, che a veu dî personn-a o amigo. Mentre no saveivo che o fîse deuviòu anche in Friuli o a Venessia o che o fîse deuviou pe dî furbo..
    E forse o poriæ êse anche ligòu ao nomme da region Cabilia in Algeria..Probabilmente a mæxima reixa.
    Alégri.

  2. pep scrive:

    Vento, per quanto riguarda il friulano, guarda qui, ad esempio:

    https://gorizionario.wordpress.com/dizionario-lettera-c/

    Non trobo la parola sul dizionario veneziano di Boerio, ma sicuramente Franco ha ragione.

    gh´e de poule che s´adeuvian in ben ben de regioin, ma de votte e gente no-u san. O l´e o caso da poula Magon, ch´a l´e conosciua into Piemonte, Emilia, Lombardia ecc:

    http://elpetitespolit.blogspot.com.es/2015/12/alegria.html

    (è un mio blog, scusate lo spam!)

  3. Paolo Besagno scrive:

    Buongiorno, non sono d’accordo con Dolcino sul fatto che Gabibbo derivi dall’Arabo habib, poichè amico si dice sadiq (il mio amico = sadiqi) e habib vuol dire amato (amore mio = habibi). E’ vero che habib possa essere usato anche in un’accezione più generale, come “amato”, “caro” e possa essere usato non principalmente riferito alla persona amata ma in senso più generale, anche quando si parla con/di amici o persone care, ma non lo utilizzerei per dire “persona”. (persona = shakhS, shakhSon). Sono queste comunque idee mie, che non sono arabo né linguista, ma semplice curioso del modo di parlare di chi mi circonda. Buona giornata a tutti!

    • Franco.Bampi scrive:

      Vei dòppodisnâ, sabbo doî d’arvî, ò avuo l’òcaxon de parlâ co-in marochin e gh’ò domandòu cöse veu dî ‘habib’. Lê, sensa manco staghe a pensâ o m’à dito: ‘amato’. Pròpio comme ti dixi ti, Pòulo. Fasso notâ che o Toso, into seu diçionaio etimològico, a-a voxe ‘gabibbo’ a ‘n çerto ponto o scrive: «Dall’arabo habib, amico»: se vedde che manco lê o l’à controlòu o scignificato da paròlla araba òpure a mæxima paròlla a corisponde a diversci scignificati a segonda do parlante.

  4. Francesco scrive:

    Bunna giurnà,
    in to porto de Zena, cumme in tutti i porti, se parla na lengua mescia, cuscì se poeu capì anche i furesti. A parolla “gabibbu”, de segua origine araba, a se riferisce a persun-na “levantin-na”, tradiziunalmente “furba”, poi u significatu u se allargou anche ai meridiunali, ma sensa desprexiu. Armenu cuscì ho sempre creduo.
    Scignuria.

  5. Giorgio Robotti scrive:

    Sun d’accordiu anche mi cun paolo besagno e fransescu in scia tradusciun dell’arabu ( ho travaggiou pe anni in Algeria Irak Egittu ) in ogni casciu a Zena pe Gabibbu s’intende in meridiunale! Scignuria

  6. angela scrive:

    VORREI SAPERE IL TERMNINE ROUSO (INFASTIDITO) DA DOVE DERIVA
    GRAZIE
    BIONA GIORNATA

    • Franco.Bampi scrive:

      Pe-i etimologisti, da paròlla ‘ròuzo’ no se sa ben l’òrigine; fòscia a porieiva derivâ da ‘rabiosus’ (pin de raggia), ma no l’é pe ninte seguo.

  7. u verdua scrive:

    u me diva me pue che quande a nonna Beppa a gaveiva ditu d’ana da u piggiou in tu caruggiu ciosu … u nu l’aiva accapia pe ninte!!! significava ana da u butteghin du lottu in tu caruggiu serou….
    u zeneize de votte u le proppiu arabu

  8. Maria Carla scrive:

    Anche mi ó senpre sentio adêuviâ a paròlla gabbino pe indicâ i meridionali ma anche cun in pitin de desprexiu. A paròlla rouzo l’adeviavan quando un figeu u nu stava tantu ben, cumme “imbosu ”
    Scignuria e tanti complimenti

Lascia un commento

Wikipedia in lengoa ligure a çerca di colaboratoî

In sce l’urtimo numero do Boletin da Compagna ò scrito ‘n apello pe çercâ di colaboratoî pe Wikipedia in lengoa

Ràtto penûgo. Ma perché se dixe coscì?

Ràtto penûgo. Ma perché se dixe coscì?

In zeneize ‘pipistrello’ o se tradue ràtto penûgo ò ràtto pernûgo; chi sotta quello che scrive o Cazassa: Ma da

L’inportansa da grafia ofiçiâ

L’amigo Zòrzo Òdon o l’é stæto protagonista de ’n interesante esperimento de letua e conversaçion dov’o l’à provòu a mostrâ

Lescico e scintasci

Devo famene ’na raxon e pigiâ nòtta che tanti pensan che quande se parla do zeneize tutto va ben. In

CATEGORIE

Link utili

Search

Archivio