Doman ò tomorrow?

21 gen 2016 by Franco.Bampi, 19 Commenti »

Tutto o l’é comensòu in pö primma da goæra, ma o pezo o l’é sucesso do dòppo goæra quande l’é giòu a voxe che a-i figeu bezugnava parlaghe in italian se no saieivan anæti mâ a scheua. Pe questo i grendi an comensòu a parlâ in italian a-i zoeni. Ma che italian! Quello de mæ lalla de Bocadaze: «Faccia fito col gelato se dunque mi si deslengua tutto» e quello do nònno a-i giardinetti ch’o sbragiava a nesetta: «Stai atenta che se ti sporchi il robino poi a casa la mamma ti dà». Se no fise coscì dramatico ghe saieiva finn-a da rie!

Donque, inte ’na sociêtæ dove i grendi parlavan zeneize, a-i figeu se ghe mostrava l’italian. Semmo cresciui coscì, co-o zeneize inte oege e into cheu, ma no in sciâ bocca. Questo però o l’à consentio a mi e a tanti atri de poei parlâ in bon zeneize e dase da fâ pe no perde sta lengoa antiga e nòbile.

Ma ancheu? I zoeni d’ancheu, specce chi a Zena, sentan pöco parlâ zeneize, tanti o capiscian ma quæxi nisciun o parla ciù. Azonzi pöi tutte e distraçioin che gh’é a-a giornâ d’ancheu (computer, video games, telefonin, e via discorindo) e ti concluddi che a-i zoeni fòscia gh’interessa pöco inprende a lengoa di vegi che i vegi an rinonçiòu a parlâ.

Che lengoa parliemo doman? Diemo doman ò tomorrow? Parliemo english ò zeneize? A cösa a no dipende solo da niatri, ma anche da niatri. Eh za, perché pe tegnî viva ’na lengoa òcore che chi a sa parlâ a parle con tutti e o ciù spesso poscibile. Ghi-a faiemo a goâgnâ sta sfidda? Mi son òtimista. Quarcösa se mescia: dex’anni fa PrimoCanale o no se saieiva manco asunòu de fâ ’na trasmiscion televisiva de ’n’oa e meza a neuv’oe de seia, e no goæi fa in blog comme questo o no se saieiva manco inmaginòu.

Zeneize tomorrow: perché o zeneize doman o segge senpre ciù zeneize, senpre meno ingleize: demose da fâ: a sfidda de fâ vive o zeneize a l’é incomensâ, devimo goâgnâla e a goâgniemo! Paròlla de zeneize!

19 Commenti

  1. Corrado scrive:

    Ciao! Se è vermanete il primo commento per questo blog, ne sono veramente felice…. sono uno di quelli che capisce il dialetto, ma non lo parla……. “capisce” si, diciamo al 95% perchè alcune parole proprio non le ho mai sentite. Avrei voluto tanto imparare, ma nella mia famiglia nessuno ha mai parlato in genovese, non ho avuto nonni che mi hanno insegnato l’antica lingua, ce l’ho nelle orecchie per aver sentito altri parlare, i vecchietti degli anni 80 che parlavano in genovese molto, ma molto di piu degli stessi vecchietti di adesso (purtroppo), e allora seguo la rubrica in genovese per tenermelo stretto, per sentirlo vivo e vegeto e anche per farmi una risata, si perchè certe battute o certi modi di dire in genovese…….. sono uno spettacolo.
    Mai mollare, è identità, è territorio, è consapevolezza!
    Dagghe!

  2. Claudio scrive:

    Ciao Prescidente.
    me rallegro con ti. Spero anche mi in te’n doman co no segge un tomorrow……

  3. Maria Grazia scrive:

    Innansi tutto bongiorno Professou.. Sun d’accordo cun Le in sciu tutta a linea.. (me spiaxe pe comme scrivo… in po perché sun de ponente in po perché nu ò mai seguio in corso de Zeneize..) difeti me figgia de chinz’anni a l’è bilingue da sempre e parla zeneize in ca e con chi ö parla…

  4. Andrea scrive:

    Che bella idea!
    Ti seguirò con piacere!

  5. Giampiero scrive:

    Cau prufessu,sun in nonnu de 66 anni che ho detu a me dispunibilte a parla in zeneise ai figgio de l’asilu de ciassa Rumagnusi a Marasci cun a speransa de trasmette quarcosa da nostra lengua…Scignuria e tante belle cose…

  6. vixella scrive:

    A nostra lengua a l’è l ‘unica ,che mi sacce, ca no dixe me ricordo ma me vegne in coeu vuemmo perde ‘na cosci bella esprescion ? Me piaxe questa inisiativa complimenti e grasie

  7. Carla scrive:

    Anche a me è successo così!

  8. Massimiliano scrive:

    Bongiorno a tutti, anche pe mi l’é u mæximo, i mæ parlavan zeneize fra lu, e italian con mi, coscì òua mi o capiscio e o lézo ben, ma o parlo mä e o scrivo pézo! Donque… scusæme.
    Scignoria.

  9. angela scrive:

    buongiorno,
    vorrei chiedere da dove deriva il termine “rousu” (quando una persona è infastidita)
    grazie
    scignuria

    • Franco.Bampi scrive:

      Ròuzo: i etimologisti dixan che a paròlla, za documentâ da-o Seiçento, a l’é in ògni mòddo d’òrigine inçerta.

  10. Fulvio scrive:

    Mæximo discorso anche pe mi. A scemensa a l’é incomensâ tanti anni fa e anche con mi, se deuviâva solo l’italian, a parte un po’ mæ nonno in zeneize con mi. Però co o cresce e sciccomme o zeneize o no l’é ancon proprio morto, ho incominsou a parlâlo. Ho travaggiou quarche anno a Riva Trigoso, e li o parlâvan tutti e dunque fâ a figua do scemmo no ghe n’aivo coæ..e ho incominsou anche mi. E basi gh’éan eccomme mancava solo a “confidensa” e a velocitæ. Ma parlo zà çinque lengue e dunque ancon de ciù…no parlo zeneize? :)
    Scignorìa, bonn-a giornâ.

  11. Davide scrive:

    Per rispondere al titolo di questo blog, forse prima dovremmo riflettere se doman ò tomorrow scriveremo in Lengoa ZeneiZe o in Lengua ZeneiSe. Detto ciò, a me sembra importante per questo tema ricordare le parole di Dante nel DE VULGARI ELOQUENTIA.
    «La lingua volgare è quella che, senza bisogno di alcuna regola, si apprende imitando la nutrice. Abbiamo poi anche, oltre a questa, una seconda lingua che fu chiamata dai Romani «gramatica». Questa seconda lingua è posseduta anche dai Greci e da altri popoli, ma non da tutti. Poche sono d’altronde le persone che giungono alla padronanza di essa, perché non si apprendono le sue regole e non ci si istruisce in essa se non col tempo e con l’assiduità dello studio». Magari questo è d’uopo anche alla domanda posta su facebook dallo scrittore B. Morchio nel 2015 a Ottobre «…possibile che in Italia studiamo otto anni l’inglese senza impararlo?»

    • Franco.Bampi scrive:

      Beh, mi spero che doman se parliâ ZeneiZe, comme s’é parlòu pe secoli sensa che a nisciun ghe vegnisse in cheu de parlâ ZeneiSe ò de inventase paròlle diverse da quelle che chi sa parlâ deuvia ògni giorno.
      A domanda do Mòrcio, che scià n’à aregordòu, a merita davei ‘na riflescion anche perché a n’agiutieiva a capî se gh’é ‘n mòddo pe fâne tornâ a parlâ tutti zeneize. Inte l’ateiza, mi sponcio ciù che pòsso perché chi sa parlâ zeneize o parle tutte e vòtte ch’o peu.

  12. Davide scrive:

    Spero che il Suo notevole impegno nella diffusione del Genovese prosegua fruttuosamente. Di come parlavano (e pronunciavano) i Genovesi nei secoli passati nessuno di noi lo può sapere. Sappiamo cosa la letteratura Genovese ha scritto e come lo ha scritto. Al riguardo Dante, coevo del Nostro Anonimo, ci ha lasciato un commento interessante sulla parlata Genovese nel De Vulgari Eloquentia (XIII).
    «Veniamo poi ai Toscani, che, fuor di senno per la loro pazzia, vogliono chiaramente arrogarsi la gloria del volgare illustre.»
    «Se poi qualcuno pensa che ciò che affermiamo per i Toscani non valga per i Genovesi, tenga a mente questo solo fatto: se costoro dimenticassero la lettera z, dovrebbero rinunciare completamente a parlare o ricostruire un linguaggio nuovo. La parte principale della loro parlata è infatti costituita dalla zeta, lettera che non si può pronunciare se non con grande durezza.»
    La scrittura del Genovese è un tema ad oggi ancora troppo non condiviso. Utilizzarlo come strumento base per l’insegnamento del genovese mi pare inefficace. Meglio puntare sulla parlata volgare cioè diffusa, senza regole, come dice Dante. Ma è solo un consiglio. Buon Lavoro.

    • Franco.Bampi scrive:

      Scrive o Davide: «Di come parlavano (e pronunciavano) i Genovesi nei secoli passati nessuno di noi lo può sapere. Sappiamo cosa la letteratura Genovese ha scritto e come lo ha scritto».
      E ciù sotta: «La scrittura del Genovese è un tema ad oggi ancora troppo non condiviso. Utilizzarlo come strumento base per l’insegnamento del genovese mi pare inefficace. Meglio puntare sulla parlata volgare»
      Veuggio segnalâ che ancheu gh’emmo in scistema de scritua (a grafia ofiçiâ: quella che deuvio pe scrive chi: vedde i “link” chi in sciâ drita) ch’o ne permette de savei l’ezatta prononçia de tutte e paròlle zeneixi. L’é vea donque che do pasòu semmo solo quello che n’é stæto tramandòu in forma scrita, ma l’é anche vea che ancheu poemo dêuviâ a grafia ofiçiâ pe scrive comme se parla: questo o l’é in formidabile strumento de comunicaçion scrita pe fâ savei a tutti comme parlemmo. Diversamente da-o Davide, i nòstri pòsteri porian dî: «Niatri semmo comme parlavan i zeneixi do vintuneximo secolo!»

      Scrive ancon o Davide: «puntare sulla parlata volgare cioè diffusa, senza regole». Quello “senza regole” o no me gusta goæi. Pe questo m’é cao chi aregordâ cös’o scrive o Stanpòu inta prefaçion a-o “Ro chittarrin zeneize” do Steva De Franchi (scrito chi in grafia ofiçiâ; chi veu lezilo inta grafia òriginale o vadde chi: http://www.zeneize.net/ziardua/defranchi/stampao.html): «Voî me diei che e træ lengoe, Toscann-a, Françeize, e Spagnòlla, se son fæte de regole, e an misso a-o mondo de gramatiche, e di diçionai. Veriscimo: ma questo con tutta façilitæ se peu fâ da lengoa Zeneize ascì. Che i Zeneixi no aggian stanpòu e regole da sò lengoa, questo no preuva che no ghe l’aggian. E che ghe l’aggian de fæto, se vedde ciæo inta façilitæ, co-a quæ s’intendan fra de lô i boin Zeneixi, e distingoan beniscimo quello chi é erô de parlâ.»

  13. Davide scrive:

    Mi è caro rispondere al suo gradito commento per chiarire. Temo però che un solo blog non basti a trattare una questione così delicata come o Zeneize.
    Le regole ci vogliono eccome, ma dopo che la maggioranza delle persone avrà incominciato a parlare Zeneize. Ho citato Dante, di cui riporto l’esatta frase, «La lingua volgare è quella che, senza bisogno di alcuna regola, si apprende imitando la nutrice. » perchè mi sembrava idonea per riflettere su come risvegliare nelle persone la voglia di parlare Genovese. Le parole del poeta mi hanno fatto pensare ai figgeu, ovvero che da bambini abbiamo imparato l’italiano senza l’aiuto di dizionari e grammatiche e lo si parla a streppelli ma con spontaneità e piacere; dopo siamo andati a scuola e siamo progrediti. Un esempio lo abbiamo sentito spesso a Liguria Ancheu coi figgeu di Vobbietta.
    La scrittura fonetica proposta da l’Academia Liguria do Brenno potrebbe essere valida ma purtroppo ad oggi nel territorio comunale è scarsamente adottata. Penso alle numerose insegne di esercizi commerciali scritte in zeneize che usano un’altra grafia, ad alcuni libri ( O libbro cheu de N.Durante e O Prinçipin de A.Garibbo), e alle testate giornalistiche locali. Spero che sulla scrittura si possa trovare un accordo.
    A me piacciono le commedie tradotte da o Steva de Franchi, in particolare “Ro Mego pe força” mi ha divertito molto. Fu un Arcadio e concordo con quanto Lei di Lui cita.

  14. Zòrzo scrive:

    O profeso Bampi o spera che doman se pàrli zeneize comme s’è parlòu pe secoli, sensa che a quarchedun ghe vegnisse a coæ d’inventase in strano zeneise( “zenei”
    comme Zena a primma parte e “se” comme seiann-a a segonda parte) italianizòu :
    “TEMPO” a-o pòsto do tenpo e consonanti dogge abretio,Scia e stàgghe tranquillo profeso,ò passòu ‘na vintenn-a de giorni a l’uspiâ e con sorpreiza ò sentîo meghi e
    infermê parlâ zeneize tra de lô, e ‘na moæ ben ben zòvena, a-o mostra a-a seu figìnn-a
    de cinque anni,
    Pe scrive o zeneize comme o parlémmo, bezéugna dêviâ a Grafîa Ofiçiâ.
    Scignorîa.

  15. [...] m’é stæto domandòu perché ò ciamòu sto blog: zeneize tomorrow. Mi ò aregordòu che o mæ primmo tòcco o l’ea dedicòu pròpio a spiêgâ o perché do nomme: perché in giorno, no goæi lontan, saiemo [...]

Lascia un commento

L’inportansa da grafia ofiçiâ

L’amigo Zòrzo Òdon o l’é stæto protagonista de ’n interesante esperimento de letua e conversaçion dov’o l’à provòu a mostrâ

Lescico e scintasci

Devo famene ’na raxon e pigiâ nòtta che tanti pensan che quande se parla do zeneize tutto va ben. In

A lengoa leteraia

A lengoa leteraia

Se ne sente parlâ e de spesso no s’acapisce cöse s’intende quande se dixe: lengoa leteraia. Ma cöse diascoa a

È corretto cambiare la grafia dell’autore che si cita?

Inte questo comento o Marco Rosci, dòppo avei lezuo quello che gh’é scrito chi: “No moiò tutto arrëo” cit. da

CATEGORIE

Link utili

Search

Archivio