Ràtto penûgo. Ma perché se dixe coscì?

7 gen 2018 by Franco.Bampi, 3 Commenti »

In zeneize ‘pipistrello’ o se tradue ràtto penûgo ò ràtto pernûgo; chi sotta quello che scrive o Cazassa:

Ma da dove vegne sta coioza esprescion? A prof. Giulia Petracco Sicardi, into seu libbro: Prontuario etimologico ligure, Edizioni dell’Orso, Torino, 2002, a-a voxe ratu, topo, a scrive:
Composti vari nomi del pipistrello; ratapéna, rata penata f., ratu penüu, -penügo m. (+ “penna” “pennuto”); rata vuéira (+ “volatoria”), ratatésura, ratasura (+ *texula ‘che tesse’?)
Insomma ràtto penûgo pe dî ratto co-e penne, comme i öxelli.

Interesante, in sce questa question quello ch’o l’à scrito o Feipin Noceti in sce Facebook.

Faccio una domanda all’amico Franco Bampi.
L’altro giorno ho visto la pagina Zenet zeneixi e liguri nel mondo parlare di Ràtto Penûgo. Tolto che io dico Pernûgo e ritengo che questa sia una cosa di interesse, ho letto la spiegazione etimologica che va per la maggiore del Ratto “Pennuto”. Perché allora quella “r” che ricorre in diverse parlate? E poi perché pennuto? Gli antichi erano antichi ma mica scemi o ciechi, l’avranno ben visto un pipistrello per accorgersi che sembra un ratto e, quindi, anche per vedere che non ha le penne. No?
Io ho una mia teoria non suffragata, non verificata, non confortata da alcunché ma la espongo. La radice “peri” indica un qualcosa che va intorno: peri = per oppure pei-pe. D’altra parte nûgo mi farebbe pensare a nugolo (nuvola). Topo che va per le nuvole, quindi per l’aria.

O Pep Martí o comenta coscì:
Salve. Non si tratta delle penne ma delle pinne -le ale- Due parole che in latino si dicevano quasi nello stesso modo. Vedi la Treccani sotto penna: pénna s. f. [lat. pĭnna «piuma, ala» incrociato con pĕnna «ala»; le due parole si confondono spesso nella tradizione manoscritta]

Quello ch’o scrive o Pep o l’é coerente con quello ch’o scrive o Carlo Randaccio into seu libro: Dell’idioma e della letteratura genovese, Roma, 1894:
Rattu penügo, etim. lat. med. rattus (dal germ, ratte) e pennatus, pennuto, alato. Singolare il disaccordo su questo nome (lat. vespertilio) di tutti gli idiomi neo-latini.

Ma o Feipin o risponde: dovrebbe esistere una forma con almeno una “l” che poi si sarebbe potuta benissimo trasformare in “r”, come spesso accade, per poi, eventualmente, cadere nelle forme dove essa non è presente.

E viatri cöse ne dî?

Alegri!

3 Commenti

  1. Marina Molinino scrive:

    Lo Rat Penat, così viene chiamato in valenciano il pipistrello, presente nello stemma della città di Valencia, che avrebbe contribuito alla vittoria della città contro gli arabi nel 1238. Mi è sembrata curiosa l’assonanza con il termine genovese. Complimenti per il bellissimo blog.

  2. Caterina scrive:

    Bon anno neûvo!
    Allòa: da noàtri, “pipistrello” se dīxe “ràtto pérnīgo”: a parte finale de ‘sta paròlla a me
    riciàmma “volpastrìgo” e “barbarìgo” pe’ dî ‘a stéssa cōsa in italiàn antìgo o vénéto.
    “Ràtto pérnìgo” o me fa végnî in ménte una filastròcca che sentīva dî :
    “Ràtto pérnīgo,
    mònta in s’ ‘o fīgo :
    ‘o fīgo o scròlla,
    ‘o ràtto o se mòlla.”
    L’héivi séntìa dî? A ve piàxe?
    Alégri !

  3. pep bru scrive:

    bé, io sono o Pep Martí e adesso vedo che avevo frainteso parte del quesito di Feipin: lui chiede per una forma con “l” e io credevo cercasse una “i” -che si trova in catalano Ratapinyada

    http://www.diccionari.cat/lexicx.jsp?GECART=0114078

    ma è assolutamente necessario che ci sia stata una forma colla “l”? Non so abbastanza fonetica storica ligure e non saprei se quella doppia “n” che vediamo nel Casaccia si potrebbe confondere col suono di una “r” + una “n”

    o forse ci sarebbe stato l´influsso del latino “perna” (che sta per “gamba” ma anche… “pinna”!)?:

    https://www.dizionario-latino.com/dizionario-latino-italiano.php?lemma=PERNA100

    1- coscia, gamba 2- prosciutto (..) 4- Zool. pinna, specie di mollusco

Lascia un commento

Ràtto penûgo. Ma perché se dixe coscì?

Ràtto penûgo. Ma perché se dixe coscì?

In zeneize ‘pipistrello’ o se tradue ràtto penûgo ò ràtto pernûgo; chi sotta quello che scrive o Cazassa: Ma da

L’inportansa da grafia ofiçiâ

L’amigo Zòrzo Òdon o l’é stæto protagonista de ’n interesante esperimento de letua e conversaçion dov’o l’à provòu a mostrâ

Lescico e scintasci

Devo famene ’na raxon e pigiâ nòtta che tanti pensan che quande se parla do zeneize tutto va ben. In

A lengoa leteraia

A lengoa leteraia

Se ne sente parlâ e de spesso no s’acapisce cöse s’intende quande se dixe: lengoa leteraia. Ma cöse diascoa a

CATEGORIE

Link utili

Search

Archivio