Venerdì 30 de zugno in gîo pe-e fraçioin de Davagna

2 lug 2017 by Franco.Bampi, 2 Commenti »

Devo confesalo: ògni vòtta che vaddo in gio con PrimoCanale pe-a trasmiscion Liguria Ancheu, screuvo de cöse beliscime e ascoze che, pe fortunn-a, co-a televixon riescimmo a fale conosce anche a chi no se mescia mai d’in caza.

Ben, ghe saiö stæto ’n’infinitæ de vòtte da zoeno chi inte fraçioin de Davagna a mangiâ panetti con mæ mogê e no ò scoverto e cöse belle e coioze che ò scoverto quande ò giòu sta trasmiscion. Unn-a in sce tutte: o præ Picardo ch’o l’adrisava i canpanin.

Paròlle pöche, ma venerdì chi vegne saiemo in studio e ghe saiâ da risponde a-e telefonæ. Donque pe òua: alegri!

2 Commenti

  1. Caterina scrive:

    Pe’ òua Alégri e salùi ao priò de santa Zitta!

  2. Francesca scrive:

    Scignuria!
    Ho visto la simpaticissima puntata, volevo evidenziare che per ristrutturare la chiesa di Davagna si potrebbe fare ricorso ad una campagna di raccolta fondi tramite appositi portali internet (crowdfunding).
    Sarebbe un sistema originale anche per promuovere il paese.

    Alégri!

    Francesca

Lascia un commento

Lescico e scintasci

Devo famene ’na raxon e pigiâ nòtta che tanti pensan che quande se parla do zeneize tutto va ben. In

A lengoa leteraia

A lengoa leteraia

Se ne sente parlâ e de spesso no s’acapisce cöse s’intende quande se dixe: lengoa leteraia. Ma cöse diascoa a

È corretto cambiare la grafia dell’autore che si cita?

Inte questo comento o Marco Rosci, dòppo avei lezuo quello che gh’é scrito chi: “No moiò tutto arrëo” cit. da

Roberta Alloisio

Roberta Alloisio

Quande l’ò saciuo so-arestòu de natta. Me paiva inposcibile, no poeiva ese a veitæ. Ma purtròppo a l’ea pròpio coscì:

CATEGORIE

Link utili

Search

Archivio