Venerdì vintisei de mazzo: alevâ e bestie pe mestê, travagiâ o legno pe pascion e cantâ in zeneize pe amô

27 mag 2017 by Franco.Bampi, 4 Commenti »

L’é bello vedde ’n zoeno de dîsètt’anni contento de fâ l’alevatô de crave e de atre bestie e sentilo parlâ in bello zeneize, sciben che e seu òrigini son da-o meridion. Insemme a lê gh’ea chi gh’à mostròu o mestê. Emmo amiròu ascì i travaggi, de miniatue in legno (ma quanti legni despægi!) e pria, de ’n apascionòu de l’arte do traföro. Tutto questo aconpagnòu da-a muxica regghe (regae) do Carbon, ’na voxe òriginale into panoramma da canson zeneize.

E comme ògni pontâ e paròlle zeneixi da scrovî e da no acordâ. Stavòtta e træ paròlle ean ste chi: insciâ (= gonfiare), crovâ (= cadere, detto di capelli, alberi, ecc.) e ingomiòu (coscì se ghe dixe a chi sta de longo apogiòu in sce gomie, magara pe fâ doî ciæti da-o barcon). Purtròppo e telefonæ no son stæte goæi e no ò nisciun comento di ascoltatoî da dî.

Doe paròlle son però sciortie da-i òspiti in studio. A primma a l’é o nomme de Lerici in zeneize. Ben se ghe dixe Lèrze ò Lèrxi. L’atra paròlla a l’é sésia ch’a se tradue ‘siccità’. Però quarche òspite o l’à dito che se dovieiva dî séusia. Mi ò fæto òservâ che o Cazassa o da comme traduçion in italian de séusia a paròlla sòccida. Ecco cös’o scrive

Dæto che l’italian do Cazassa o no l’é senpre do tutto ciæo, ve scrivo in italian d’ancheu cös’a l’é a séusia: Contratto agricolo per il quale un proprietario di bestiame concede ad altri l’allevamento e lo sfruttamento del bestiame, con equa ripartizione del guadagno e della perdita.

E viatri comme dî in zeneize a paròlla italiann-a siccità?

Alegri!

4 Commenti

  1. Gianfranco scrive:

    LERICI: ghe a Lévanto o Levànto (commò-u ciaman i levanteixi) ‘na fraçion ch’a se ciama Lerici (commò-u comune in provinsa de Spezza) che-i locali indican comme Lérxi.
    SICCITÀ a vâ sésia.

  2. peo scrive:

    Eh, ò ben visto che gh’êa pöche telefonæ, ma mi no son ariescîo a pigiâ a linia.. L’unica ch’a no sàivo a l’êa agomiòu. Siccità pe mi a l’è sésia.
    Alegri!

  3. Caterina scrive:

    Saluti a Franco e a tutti.
    “Ingomiòu ” ,quànde l’ho séntìo dî , o me vegnùo in mènte de avéilu séntìo dî bén bén de
    vōte specialmente parlàndo de donne chi stāva. n lì ingommiaê dào barcòn a fâ di caêti;
    Govi u gh’é dīva in dî “manézzi ” che seû fìggia,assùn de stâ ingomiijâ dau barcòn a véi chi passa, a divéntāva un vàso da fiori.
    Pe’ dî ch’ u gh’ é siccitaê, mi sentìva dî ” O l’é témpo sécco”
    Alégri!)

  4. Marco Rossi scrive:

    A proposito di soccida, trovo molto divertente la commedia del De Franchi “L’avvocato Patella” (https://it.wikisource.org/wiki/L%27avvocato_Patella trad. dal fr. “La farce de maître Pathelin”), quando all’inizio parla della lite delle “centum oves” date in soccida a un pastore di Busalla e dice: “No capiscio, re œuve no se dan in sœuçia…”
    Poi più avanti c’è il pastore che dice che ammazzava le pecore del padrone perchè non si ammalassero (“gi amaçço primma ch’i mœuran”, dove ‘gi’ è pronome complemento nel contado: ‘e amasso’, ‘iamasso’, ‘giamasso’… circonflesso anche qui?).
    Mi ricorda un altro che diceva di pagare le ragazze perchè non si prostituissero…
    Buon ponte!

    PS. ringrazio Acquarone per la sua esauriente risposta e il prof. Bampi per la sua consueta ospitalità. A proposito del circonflesso sui pron. compl. come mero segno grafico, vorrei far osservare che anche in italiano gli accenti su ‘dà’, ‘sì’, ‘sè’ ecc. sono meri segni grafici usati per distinguerli dal ‘da’ prep., ‘si’ pr. rifl., ‘se’ cong., ecc. Però si scrive ‘le pere le mangio io’, senza bisogno di distinguere l’articolo dal pronome. Anche il De Franchi avrebbe scritto ‘re peire re mangio mi’.
    Credo che questa nuova regola del “circonflesso per tutti i pronomi complemento” (Cchiù pilu pe’ tutti), ivi incluse le ‘i’ semivocaliche, scaturita dal cilindro del prof. Toso (T’Oz the great and powerful) complichi inutilmente una grafia già assai impegnativa di suo: se scrivo “piggitei, tei regallo”, quanti circonflessi ci devo mettere?

Lascia un commento

A lengoa leteraia

A lengoa leteraia

Se ne sente parlâ e de spesso no s’acapisce cöse s’intende quande se dixe: lengoa leteraia. Ma cöse diascoa a

È corretto cambiare la grafia dell’autore che si cita?

Inte questo comento o Marco Rosci, dòppo avei lezuo quello che gh’é scrito chi: “No moiò tutto arrëo” cit. da

Roberta Alloisio

Roberta Alloisio

Quande l’ò saciuo so-arestòu de natta. Me paiva inposcibile, no poeiva ese a veitæ. Ma purtròppo a l’ea pròpio coscì:

O Tondo de Natale

O Nicòlla Baçigalô o n’a lasciòu ’na longa poexia in sce cöse se mangiava a Natale (ò, con paròlla ciù

CATEGORIE

Link utili

Search

Archivio