A lengoa leteraia

17 mag 2017 by Franco.Bampi, 22 Commenti »

Se ne sente parlâ e de spesso no s’acapisce cöse s’intende quande se dixe: lengoa leteraia. Ma cöse diascoa a l’é ’na lengoa leteraia? Ben, anemmo a leze cös’a scrive a Treccani: a lengoa leteraia a l’é definia e distinta da quella no leteraia solo da-o fæto d’ese scrita. Scialla, scialla! O zeneize o gh’à ’na letiatua scrita ininterotta a-o manco da-a fin do Milleduxento, con l’Anonimo Zeneize, finn-a a-a giornâ d’ancheu. ’Na bella referensa per ribadî che o zeneize o l’é ’na lengoa e no in dialetto. Però i zeneixi no se son mai missi d’acòrdio in sciô mòddo de scrivilo o zeneize. Coscì, a segonda do periodo stòrico, trovemmo grafie despægie finn-a a arivâ a-a ciù pezo de tutte ch’a l’é a grafia adêuviâ da-o Cazassa.

O problema, donque, o l’é antigo. Do 1772 sciòrte “Ro chittarrin zeneize, o sæ, strofoggi dra muza” do Steva De Franchi; inta prefaçion intitolâ Ro stampao a ri veri e boin zeneixi che lezeran se trova sto tòcco chi (a grafia a l’é quella òriginale):

Voî me direi, che re træ lengue Toscaña, Françeize, e Spagnolla, se son fæte dre regole, e han misso à ro mondo dre grammatiche, e dri diçionarii. Verissimo: ma questo con tutta façilitæ se pœu fâ da ra lengua Zeneize assì. che ri Zeneixi non aggian stampao re regole dra sò lengua, questo non prœuva che non re aggian. e che re aggian de fæto, se vedde cæro in ra façilitæ, con ra quæ s’intendan fra de lô ri boin Zeneixi, e distinguan benissimo quello chi è errô de parlâ. s’intendan e se parlan in ri consessi ciù rispettabili dro Governo, trattandose materie interessanti. s’intendan e se parlan da ri Avvocati inanti ri tribunali dra maggiô aotoritæ. s’intendan, e se parlan esprimendo sentimenti de piaxei e de desgusto. Non han diçionarii, perchè no ri han fæti. dunque no se pœuran fâ?

A ste cöse chi o Gianfranco Mangini bonanima (into seu “A-a reversa”, Frilli, Genova 2009) o comenta coscì: Se peu, ma i zeneixi no l’àn fæto. Noiatri in “Vocabolaio do Brenno” ò de “Proze da volgâ lengoa” no ghe i emmo. Öriâ pû dî quarcösa!

Ma da-o 23 d’arvî do 2008 quarcösa l’é cangiòu: in sciâ Ræ l’é sccioio l’Academia Ligustica di Brenno. E insemme a l’Academia emmo finalmente avuo a dispoxiçion ’na grafia, a coscì dita grafia ofiçiâ, pe poei scrive coerentemente o zeneize inte quæxi tutte e seu variêtæ.

E chi sucede ’na cösa strana: dötrei adormii, che primma no an mesciòu manco ‘n’ongia de ‘n dio pe rilanciâ o zeneize, tutt’asemme s’adescian e dixan che a grafia ofiçiâ a no va ben perché o zeneize o l’é ’na lengoa leteraia! Òu belìcite! E percöse a grafia ofiçiâ a no l’anieiva ben pe ’na lengoa leteraia? Perché se scrive comme se parla! Òh bella: anche in italian “se scrive comme se parla” e a nisciun ghe vegne in cheu de dî ch’o no va ben pe scrive a letiatua italiann-a! Eh no! A grafia ofiçiâ, inscistan, a no mantegne a forma de paròlle: segondo sti adormii bezeugna scrive straddale, con doe ‘d’ perché o vegne da stradda ch’a gh’à doe ‘d’. Pe-o mæximo motivo va scrito ballâ perché ballo o gh’à doe ‘elle’ (ma o l’é ballo ch’o vegne da balâ ò balâ ch’o vegne da ballo? Chi i problemi son davei da ciù grande filozofia!)

Ma sta cösa chi a fa rie! Ritornemmo a l’italian: levòu pöche eceçioin in italian se scrive comme se parla. Tanto p’acapîse, cöse se fa se un o veu savei se gh’é ’na consonante doggia? Se dixe a paròlla: se a consonante ti a dixi doggia aloa ti a scrivi doggia! Senplice, no? Ben, a mæxima cösa a vâ pe-a grafia ofiçiâ, ma, chi sa mai o perché e o percomme, into contesto do zeneize sto chi o l’é ’n difetto. Tornemmo a-a letiatua. A grafia de l’italian, ch’a permette de scrive comme se parla, a va ben pe scrive a letiatua italiann-a: a grafia ofiçiâ, ch’a permette anche in zeneize de scrive comme se parla, a no va ben pe scrive o zeneize!

Me pâ che ghe n’é abasta p’acapî che a grafia ofiçiâ a l’é a ciù megio grafia mai propòsta pe scrive o zeneize. Cai amixi poeti dêuviæla, a grafia ofiçiâ, e lasciæ perde i adormii: e vòstre poêxie saian scrite megio e tutti porian savei comme prononçiale e quindi comme declamale.

Concluddo co-ina nòtta pe quelli de Sann-a. Se a Sann-a se dixe segretöia perché scrive segretaia, che l’é comme se dixe a Zena? Perché segretöia a no l’é ’na paròlla leteraia? E viatri de Sann-a no dî ninte? Cai adormii: dæghe in cianto li e tornæ a-i vòstri seunni: coscì faiei meno disastri!

Alegri!

O zeneize, quello bon, o l’é quello con doe zitte!

22 Commenti

  1. Filippo Noceti scrive:

    E da péu, dimosela tutta.

    Inta stöia leteraia s’è senpre scrîto “zeneize” con dôe zitte e adreitùa a-a giornâ d’anchéu pe giustificâ a bell’idea de scrîve “zeneiSe” se scangia i titoli de òpere stòriche, comme a çittara zeneize ch’a vegne riportâ dai sostegnitoì do “zeneiSe” aponto con a grafîa modificâ a uzo de séu idee.

  2. ebe buono raffo scrive:

    niâtri zeneixi prononçiémmo a zitta into nòstro mòddo particolâre, divèrso da l’italian. In sce questo no gh’é ninte da discùtte. Quande scrivémmo na paròlla ch’a contêgne a zitta, â prononçiémmo con quello seunno: alôa se zeneize o se prononçia con o maeximo seunno inta primma e inta sesta létia, perché diâo doviêscimo scrive i doî seunni inte doî mòddi diversci? Ma no gh’àn ninte de ciù sensòu da pensâ quelli scignôri?

  3. Angelo scrive:

    Bongiorno Prof. voeiva dighe che in effetti, pe dovei de cronaca, l’ea sciortio a Grammatica de Fiorenso Toso inti anni 90, e li za se dava e norme de grafia. L’aiva feta a Compagna e gh’ea a prefasion do Prescidente da Provincia de Zena. Insomma: ciuttosto “ofiçiâ” a o l’ea quella ascì!
    Salute

    • Franco.Bampi scrive:

      Conoscio beniscimo a “Grammatica genovese” do Tozo. Li o Tozo o çerca de mette in ordine a coscì dita grafia tradiçionale con stabilî de regole ciù ò meno coerenti. Prezenpio o proponn-e de scrive ‘o’ pe-o son da u italiann-a, ‘u’ pe-o son da u françeize e ‘ò, ö’ pe-o son da o italiann-a: questa convençion, ch’a fonçionn-a, a l’é stæta adotâ pægia da-a grafia ofiçiâ. Purtròppo e cöse no son coscì ciæe quande a u italiann-a a fa parte de ‘n ditongo. Pe-o resto o Tozo o lascia e anbigoitæ tra a ‘s’ e a ‘z’ e o no da nisciunn-a regola pe mette e consonante dogge. In concluxon a “grafia tradizionale normalizzata”, coscì o a ciamma o Tozo, a l’é ‘na grafia incoerente; in cangio a-a grafia ofiçiâ a l’é do tutto coerente.

      • Marco, Genova - Genoa - Zena scrive:

        Pur lodando l’enorme e preziosissimo lavoro di tutti gli interessati, non posso non intervenire quando leggo “‘ò, ö’ pe-o son da o italiann-a: questa convençion, ch’a fonçionn-a, a l’é stæta adotâ pægia da-a grafia ofiçiâ”. Secondo me questa è l’unica cosa che NON funziona nella grafia. Obbligare a scrivere una lettera accentata per riprodurre il suono italiano O – anche quando non vi cade l’accento tonico – per me è un notevole passo falso, perché costringe ad arrampicarsi sugli specchi quando si scrive e a fermarsi a riflettere sulla pronuncia corretta quando si legge.
        Alegri!

        • Franco.Bampi scrive:

          D’acòrdio, ma aloa ti devi dî comme se risòlve o problema da o e da u: gh’é trei soin (o italiann-a, u italiann-a, u françeize) e doe sole letie: o e u. Magara sensa tròppo alontanase da-a grafia coscì dita tradiçionale. Lezi chi pe saveine de ciù: http://www.francobampi.it/zena/lengoa/confronto/o_u.htm

        • Dario scrive:

          Posso capire che richieda un certo sforzo, ma è questione di esercizio. Imparare a scrivere correttamente una lingua, anche la propria lingua madre, richiede esercizio (basti pensare a quanti sono gli italiani che commettono errori di ortografia quando scrivono in italiano…). L’utilizzo di un accento come segno diacritico per indicare una diversa vocale, e non per indicare un accento tonico, non è certo esclusivo della grafîa ofiçiâ. Interessante il caso del polacco dove il grafema o è utilizzato per il suono /ɔ/ mentre il grafema ó è utilizzato per il suono /u/. Una situazione in qualche modo duale a quella qui discussa e che non costringe certo i polacchi ad arrampicarsi sugli specchi.

  4. Dario scrive:

    Franco ma sta cosa dei poeti savonesi lo dici per il libro di Daniele Caviglia?

    • Franco.Bampi scrive:

      Ma pròpio no! O Daniælo Caviggia o no gh’intra pe ninte e no gh’aivo manco pensòu!

      Mi ò vosciuo solo dî doe cöse. Primmo: che i poeti gh’avieivan in grande vantaggio a scrive in grafia ofiçiâ. Segondo: che a grafia ofiçiâ a rispetta tutte e parlæ; pe questo me son domandòu comme fan i savoneixi (che inte tante cöse son critichi con Zena) a acetâ de scrive e paròlle comme se prononçian a Zena e no comme se prononçian a Sann-a. ‘Na cösa dita in grande amiciçia a-i amixi de Sann-a in sciâ quæ me saieiva cao leze de rispòste.

      Comme ti veddi o Caviggia o no gh’intra ninte.

  5. Saverio Leoncini scrive:

    Bongiorno Franco; sciccomme pròpio ti t’ae parlou de chi cangia a grafia di scriti che çita, me resulta che o Mangini o scrivesse: “Se peu, ma i zeneixi no l’àn fæto. Noiätri un “Vocaboläio do Brenno” ò de “Pröze da vorgâ lengua” no ghe î emmo”. Ben ciù scimile a-a grafia che ti critichi. Giusto?
    Scignoria

    • Franco.Bampi scrive:

      Giusto! Ma no gh’é ninte de mâ. Ansi segondo mi a l’é ‘na cösa ch’a se deve fâ pe mostrâ comme ‘na grafia a fonçionn-a. Quello che no se deve fâ l’é publicâ in tèsto, magara faghe l’ezegexi, cangiando a grafia senza dilo! A mæ a l’é ‘na çitaçion (‘na fraze) e va ben modificâ a grafia, perché a grafia inte sto contesto chi a no l’é a cösa inportante. Atro discorso se se publica tutto in testo (magara do 1746) cangiando a grafia sensa dilo.

      Ma me pâ d’avei dito pròpio questo ch’ò dito òua into tòcco che ti mensionn-i.

    • Marco Rossi scrive:

      Credo che in fatto di ortografia genovese sia molto importante la flessibilità.
      In tal proposito avrei avuto una domanda per Andrea Acquarone, ma forse posso rivolgermi anche a Saverio Leoncini.
      Diciamo che voglio mettermi a scrivere in genovese (povero genovese!) e diciamo che opto x la grafia tradizionalnormalizzata del prof Toso (the wondeful wizard of T’Oz): posso scrivere “amiëmo”, “saiö”, “i han mangiæ” invece di “amiemmo”, “saiò”, “î han mangiæ”, o è considerato errore? In altre parole, posso ANCHE scrivere come pronuncio io, o devo per forza scrivere “in lengua d’atri como i inspritè”? (Foglietta)
      Buona domenica!

      • Franco.Bampi scrive:

        Cao Marco,

        son coiozo de savei e raxoin da scelta pe-a grafia “tradizionalnormalizzata” dæto ch’a gh’à doî difetti ciæi. Primmo: a no gh’à de regole ciæe prezenpio in sce comme mette e consonante dogge. Segondo a scrive pægio paròlle che se prononçian despæge: unn-a in sce tutte: ‘pöso’ dove a ö a se dixe [O:] se a paròlla a veu di ‘raffermo’, a se dixe [u:] se a paròlla a veu dî ‘polso’.

        • Acquarone scrive:

          Buongiorno Franco (vale per due!): si può scrivere “saiö”; non si può scrivere “amiëmo” (l’accento è ridondante, perché quella “e” tonica in parola piana prima di consonante semplice si prononcia già lunga), non si può scrivere “i han mangiæ”, sia perché la “i” pronome va col circonflesso (è convenzione che non riflette la lunghezza della vocale: qui il circonflesso è un mero segno grafico), sia perché il verbo “avere” in quella forma lo si scive “an” (altra convenzione: potremmo decidere diversamente).
          In quanto a “pöso”, vuol dire “raffermo”, mentre “pôso” vuol dire “polso” e si scrive così, come i pochi altri casi del genere (dôçetto, ecc.) per ovviare a quell’incongruenza della normalizzazione della “Gramamtica” del 1997.
          La regola per le doppie è quella etimologica, la stessa che in italiano ci fa scrivere obliquo, iniquo, proficuo, vacuo, cuore, soqquadro, scuola, acqua, efficiente, deficiente, sufficiente, esercente, marcescente, ecc.; e in genovese ci fa scegliere tra “ç” e “ss” o “s”.
          D’altra parte la normalizzazione del novembre 2016 (quella in uso al Secolo, per intenderci) lascia la libertà di non rispettare questa regola etimologica per quelle parole che hanno una tradizione di scrittura consolidata: zeneize-zeneise, creusa-creuza, bellin-belin, ecc, vanno bene entrambe.
          Si tratta di una scrittura che ha qualche criterio differente rispetto alla c.d. “ufficiale”, ma con una sua coerenza interna tale da non lasciare dubbi allo scrivente. Ad ogni modo, è utile rimarcare le somiglianze più che le differenze.
          Cordialmente

  6. Dario scrive:

    Sono stati escogitati svariati sistemi di scrittura delle lingue, ciascuno con i propri vantaggi e svantaggi. Al lato pratico sistemi molto diversi tra loro funzionano (anche se nel tempo possono essere soggetti a revisioni, riforme ortografiche ecc.). Idealmente un sistema di scrittura dovrebbe registrare fedelmente sia la pronuncia sia la morfologia. Nella realtà esistono sistemi che richiedono poca informazione morfologica per scrivere il parlato (es. italiano, Grafîa ofiçiâ del genovese …) e che permettono quindi a chi conosce la corrispondenza tra suoni e lettere di scrivere senza capire il significato di quello che viene detto, sistemi che richiedono molta informazione morfologica (es. inglese) e sistemi che sono quasi esclusivamente morfologici (es. ideogrammi in cinese) dove è impossibile trascrivere il parlato senza la comprensione del significato (ma che allo stesso tempo permettono a persone che non si capiscono tra loro quando parlano di comprendere lo stesso testo scritto). Tematica antica e non esclusiva del genovese, ben riassunta a mio parere sul sito della Académia Ligùstica do Brénno: “No gh’é ‘na grafîa giùsta. E no gh’é mànco ‘na grafîa mêgio ò pêzo de ‘n’âtra. A grafîa a l’é ‘na convençión.”

  7. peo scrive:

    A mi m’è se senpre stæto câo scrive in zeneize. Ma dòppo me tegniva tutto pe mi, perché no êa segùo d’avéi scrito inte ‘na mainèa a-o manco decente. Questo perché i riferimenti êan pöcasæ incoerenti. ‘Na vòtta gh’êa ‘na paròlla scrita inte’n mòddo, dòppo ti l’atreuvavi scrita inte ‘n atro. Scinn-a into diçionàio do Cazassa s’atreuva de incoerense. Da quand’è adeuvio a G.O. no ò ciù gena ni a scrive ni a leze, in pubrico ascì. Mi atreuvo che o mètodo “se scrive comme se parla-’na lètia un són” o segge raçionale e de bon sæximo. Segùo bezeugna tegnî prezente che quello ch’o l’è stæto scrito primma ò che s’atreuva in gîo o gh’à de atre regole (ò-o no ghe n’à pe ninte), ma se sémmo parlâ zeneize o leziêmo de longo ben, ma se sémmo “licche-lacche” com’êa mi, a G.O. o l’è o megio stromentp ch’o se pòsse atreuvâ into canpo do leze d scrive in zeneize.

  8. peo scrive:

    Mi spero che s’acapìsce cöse ò scrito, quest’angæzo de “smarfon” o me fa vegnî matto.

  9. pep scrive:

    Bon dia; due cose:

    -posso condividere certe critiche sull´oportunità o meno delle scelte attuate dal gruppo, diciamo “rivale”, ma dire che non avevano fatto niente per il genovese è un po troppo (propio qui, nei commenti, è venuta fuori la Grammatica di Toso, scritta nei lontani anni 90) .

    -anche io come Dario, ho il dubbio sui poeti savonesi; e non so se questi poeti cui accenna Franco scrivono segretaia al posto di segretöia oppure se usano quel segno ä come fanno nella rivista a Campanassa (segretäia). Comunque sia, bisognerebbe convincere i savonesi non soltanto di non scrivere segretaia ma anche di non usare quel segretäia che sembra piu o meno consolidato nell´uso

    alegri!

    • Filippo Noceti scrive:

      Pe mì saieva megio å pe indicà unn-a a ch’a se pronunçia o

    • Franco.Bampi scrive:

      Cao pep, pensila comme ti veu, ma quelli dötrei adormii an dormio pe ‘n davei scinn-a a quande no l’é sciortio feua l’Academia do Brenno nasciua da-e discuscioin co-o Conrad e tanti atri in sce ‘n gruppo de Yahoo. Da aloa quarche adormio o l’à comensòu a arvî i euggi e o l’à averti do tutto quande Primocanale o l’à comensòu a dedicâ do spaçio televixivo a-o zeneize. A questo ponto tutti, specce quelli che o zeneize no son manco boin a parlalo, se son sentii in diritto (chisà pöi perché) de dovei dî a seu.

      Atra stöia a “Grammatica genovese” do Tozo. O Tozo o l’é ‘n profesô de l’universcitæ e o fa o seu travaggio seriamente. O l’à scrito tante cöse interesanti e in sce çerte cöse bezeugna daghe a mente, prezenpio in sce l’etimologia de paròlle. E comme tutti i riçercatoî anche lê o l’à scrito cöse criticabili: ma a critica a l’é a sâ do savei e pròpio da-e critiche che nasce o confronto pe anâ avanti. Ma a-o de la de queste inportanti riçerche, o Tozo o no l’é mai stæto in ativo promotô do zeneize a livello popolare (se o zeneize o no se mostra a-o pòpolo a chi o va mostròu?) a-o manco primma do 2008, quande l’Academia a l’é sccioia.

      Alegri!

Lascia un commento a ebe buono raffo

L’inportansa da grafia ofiçiâ

L’amigo Zòrzo Òdon o l’é stæto protagonista de ’n interesante esperimento de letua e conversaçion dov’o l’à provòu a mostrâ

Lescico e scintasci

Devo famene ’na raxon e pigiâ nòtta che tanti pensan che quande se parla do zeneize tutto va ben. In

A lengoa leteraia

A lengoa leteraia

Se ne sente parlâ e de spesso no s’acapisce cöse s’intende quande se dixe: lengoa leteraia. Ma cöse diascoa a

È corretto cambiare la grafia dell’autore che si cita?

Inte questo comento o Marco Rosci, dòppo avei lezuo quello che gh’é scrito chi: “No moiò tutto arrëo” cit. da

CATEGORIE

Link utili

Search

Archivio