È corretto cambiare la grafia dell’autore che si cita?

25 apr 2017 by Franco.Bampi, 9 Commenti »

Inte questo comento o Marco Rosci, dòppo avei lezuo quello che gh’é scrito chi: “No moiò tutto arrëo” cit. da Bacigalupo (Odi ed Epodi, Zena, Donath, 1899), o fa questa riflescion:
Non so se il Bacigalupo abbia mai scritto “moiò” coll’accento grave, ma non ho modo di controllar l’originale.
E pöi o l’azonze:
leggendo questo confronto tra la Colombiade e l’Atlantida mi imbatto di nuovo in “arrëo”, e altre forme sospette tipo “inlustri”, “vorcæn”, “Tramontanna”, “çiviltæ” e molte altre. Stavolta posso controllare su google libri e trovo “a reo” (p.500), “illustri” (p.193), “vulchen” (p.519), “Tramontaña” (p.500), “civiltæ” (p.369) etc.
Ora mi domando: è corretto cambiare a proprio piacimento la grafia (per non dir morfologia) dell’autore che si cita?

Ben mi veuggio dî chi quæ o l’é o mæ pensceo. A mæ pai a rispòsta a-a domanda do Rosci a dipende da-o perché un o decidde de ripublicâ in çerto testo. Se o ritegne de voei prezentâ ’n’analixi filològica de ’n outô no gh’é dubbio che a grafia a no va cangiâ pròpio pe permette a chi leziâ o testo de vedde comm’o s’é conportòu l’outô into scrive o zeneize. L’acugeita de tutte e poêxie do Doardo Firpo a l’é scrita co-a grafia òriginale do Firpo. Per questo poemo savei che o Firpo, caxo unico tra i poeti, quarche vòtta o l’aiva marcòu o spostamento de l’acento dovuo a-a prozodia in esprescion comme doê scignôe, co-ê man, e scimili. E poemo anche demoase a vedde comme, inta seu riçerca de ’na grafia apropriâ, a ’n çerto ponto o l’agge scrito trovòo (in cangio de trovòu) perché, o diva, se a ‘u italiann-a’ in zeneize a se scrive ‘o’, aloa bezeugna scrive trovòo e no trovòu. Tutto questo o se saieiva perso se a grafia a fise stæta cangiâ.

Devo dî che mi ascì, quande ò curòu a publicaçion de tutte e poêxie do Loiggi Cornetto, ò fæto a mæxima scelta: quella de lasciâ a grafia òriginale de l’outô anche quande a l’ea incoerente.

Però gh’é anche di atri motivi pe ripublicâ di testi za publicæ: quello che mi penso o segge o ciù inportante o l’é questo. Quande un o l’à decizo de adotâ in scistema de grafia (mi, comme tutti san, deuvio a grafia ofiçiâ de l’Academia do Brenno, ma o discorso o no cangia se a grafia a fise ’n’atra) aloa o l’à anche a necescitæ d’avei a dispoxiçion di testi za publicæ scriti inta grafia adotâ. E chi no gh’é santi: bezeugna pe fòrsa cangiâ a grafia de l’outô. Inte sto caxo chi, a coretezza scentifica a veu che se digghe che a grafia uzâ a no l’é quella de l’outô. Mi spero pròpio che chi à publicòu in testo co-ina grafia despægia da quella de l’outô o l’agge evidençiòu a cösa, specce se chi à fæto a publicaçion o pretende d’ese stimòu comme ’n serio riçercatô da lengoa zeneize.

Dito o mæ pensceo, son in ateiza de leze o vòstro.

Alegri!

9 Commenti

  1. pep scrive:

    Personalmente sono per rispettare il testo come scritto dall´autore (trane forse nel caso espresso da Franco nel suo paragrafo finale).

    Ma cosa fare se c´é uno sbaglio evidente -ad esempio, scrivere “o lé” (cioè col pronome attacato al verbo) invece di o l´é-? Non saprei, si può piazzare un sic fra parentesi, oppure correger il testo…

    Per quanto riguarda le forme a reo/arrëo (la prima colla preposizione staccata) mi è venuto il dubbio sul nostro catalano “arreu”: sarebbe lecito sriverlo staccato, a reu? Oltre al fatto che non rispetterebbe la pronuncia reale -colla “r” forta, per fortuna le forme storiche erano già scritte come facciamo oggi:

    http://dcvb.iec.cat/results.asp?Word=arreu&Id=15197&search=arreu

  2. Dario scrive:

    In generale bisogna anche considerare il contesto (per esempio: testo nella stessa lingua o in lingua diversa? testo specialistico che discute di problemi di grafia o testo in un registro più informale? ecc.), ma tendo a concordare con l’opinione espressa dal Prof. Bampi e con il successivo commento di pep. La citazione tra virgolette dovrebbe sempre essere fedele e nulla andrebbe cambiato. Ovviamente, andando oltre il caso specifico del genovese, ci possono essere citazioni di lingue che utilizzano diversi sistemi di scrittura (alfabetici, ma basati su un alfabeto diverso da quello latino, oppure non alfabetici) e in tal caso la trascrizione si rende necessaria (a meno che lo scritto non sia rivolto a specialisti in grado di leggere il diverso sistema di scrittura utilizzato per il testo oggetto di citazione).
    Nel caso di intere trascrizioni di un testo l’autore potrebbe semplicemente mettere una nota iniziale per informare che si tratta appunto di una trascrizione in una diversa grafia, ma questo è un caso diverso dalla citazione tra virgolette. E si può fare ricorso al sic come suggerito da pep nel caso di sbagli evidenti (a meno che non siano evidenti errori tipografici non voluti dallo scrivente, in quel caso uno forse potrebbe correggere, ma potrebbe essere difficile stabilire in quale situazione ci si trova). E infine si può anche rimandare a note a piè di pagina in caso siano necessarie ulteriori spiegazioni (per esempio, nel caso di citazione di una antica parola di cui non si conosce l’esatta pronuncia originale la trascrizione in un sistema di scrittura coerente potrebbe essere problematica e quindi chi trascrive dovrebbe motivare la sua scelta). In ogni caso il criterio guida dovrebbe essere la correttezza sia nei confronti dei lettori sia nei confronti del autore citato (soprattutto quando questo utilizza una determinata grafia per scelta esplicita, rifiutandone altre). Ogni manomissione (inclusi i tagli) dovrebbe essere indicata e racchiusa tra parentesi quadre (contenente i tre punti nel caso di tagli).

  3. Saverio Leoncini scrive:

    Tramontaña? Ma quindi anche all’epoca scriveivan quella “ñ” lie?

    • pep scrive:

      mi no son ligure -ne italian- e no savieiva quande a l´e staeta adeuvià pe-a prima votta, ma a no l´e de seguo na “invençion” de l´Acquarone, Toso ecc.

      L´ALB a dixe: “comme se peu védde chi, a ñ a l’é stæta adêuviâ solo da P.B.F. (1873) e da P.A.F. Gazzo (1909)”

      ma gh´é di atri testi, come quello ch´o n´ha mostròu o Marco. E s´o capio ben, quella “ñ” a l´é staeta cangià… da-o Toso -ch´o l´adeuvia aa giornà d´ancheu a ñ in cangio d´a dogia “n”-! che garbuggio ;-)

    • Marco Rossi scrive:

      Credo che la (o il) tilde derivi da una delle tante abbr. usate dagli amanuensi medievali (es. https://it.wikisource.org/wiki/Pagina:Italien112.pdf/116 ) e altro non è che una piccola N da usarsi indiff. al posto di N (es. ĩ=in, cõ=con, ñ=nn).
      Credo anche che il primo a codificarne l’uso nel genovese sia stato padre Giuseppe Maria Priani nella sua riforma ortografica del 1745 (ci si fosse fermati lì!) che fa l’es. peña = pen-na : N velare seguita da N dentale

      https://it.wikisource.org/wiki/Pagina:%C3%87ittara_zeneize_1745.djvu/17

      purtroppo (forse per ragioni tipografiche?) nell’800 si passò prima a “pen-na” poi a “penn-a” (forse senza capire che la seconda delle due N era caduta)

      Diversi autori han sentito la necessità di reintrodurla e a ben vedere ci son forti ragioni per sceglier di usarla. Io personalmente sono un fan della tilde (…e a sto punto il prof. mi caccerà a pedate dal forum!)

      Buona domenica!

  4. Bart scrive:

    Ou l’e na mania co ga de cangia’ delungo quarcosa. E o la za feto con di scriti ciu antighi de questo. E ancun dasse’ co no l’ea n’egitollogo, dunco se saie’ missa fa a so riforma gerogliffica. Za mou veddo in gio pe tombe e musei, bulachin e penello in man, co te scancella i coccodrilli pe disegnaghe de grigue, io sostituisce i ibis coe parisseue, i liuin coi gattibardi, e tancoe coi scorpoin e i aspi sordi coi ratti penughi, pe scinche no te comensa sciorti’ dai sarcoffaghi na streuppa de mummie incasse’ come biscie che ghe dixan in egissian antigo: poscitoese! ma cose t’imbelinn-i? E sci, atro che maledission da mummia…

  5. Caterina scrive:

    Saluti ,
    Mî son d’accòrdio co ‘o Franco me son demoâ a léze l’urtimo coménto in s’ ‘a rifòrma “geroglìffica” . Con ciù témpo , léziô ‘i ātri.
    Pe’ ancheû, alégri!

  6. Zòrzo Òdon scrive:

    Anche mi són dacòrdio co-o profesô.
    A grafìa ofiçia se peu adêuviâ sôlo s’a l’é da vexìn a-o tèsto òriginâle de l’outô.
    In sto caxo se peu adêuviâ anch’a pròsodia.
    Pénso che l’outô o saiéiva conténto de sentî o seu zeneize cómme o l’àiva inte oêgie e fòscia……. o l’àiva dificoltæ a scrivê.

Lascia un commento

Lescico e scintasci

Devo famene ’na raxon e pigiâ nòtta che tanti pensan che quande se parla do zeneize tutto va ben. In

A lengoa leteraia

A lengoa leteraia

Se ne sente parlâ e de spesso no s’acapisce cöse s’intende quande se dixe: lengoa leteraia. Ma cöse diascoa a

È corretto cambiare la grafia dell’autore che si cita?

Inte questo comento o Marco Rosci, dòppo avei lezuo quello che gh’é scrito chi: “No moiò tutto arrëo” cit. da

Roberta Alloisio

Roberta Alloisio

Quande l’ò saciuo so-arestòu de natta. Me paiva inposcibile, no poeiva ese a veitæ. Ma purtròppo a l’ea pròpio coscì:

CATEGORIE

Link utili

Search

Archivio