Venerdì trentun de marso: o regòrdo do Giorgio Calabrese

1 apr 2017 by Franco.Bampi, 5 Commenti »


Giusto ’n anno fa, o 31 de marso do 2016, l’é mancòu o Zòrzo Calabreize, in zeneize ch’o l’à scrito i testi de tantiscime cansoin, comme “E se domani” e “Il nostro concerto” solo pe çitane doe. O l’à scrito anche cansoin in zeneize: unn-a in sce tutte: O frigideiro. L’emmo aregordòu insemme a-o Michele, o Gino Paoli, o Peo Campodonico, o Sergio “Teddy” Di Tonno e a Laura Monferdini.

Pe questo e paròlle da dî a traduçion l’ò pigiæ da-e cansoin zeneixi do Calabreize. Ecco chi quello ch’ò domandòu:
lavandino e vaschetta del lavandino: lavéllo e trugétto ò anche tréuggio do lavéllo;
di tanto in tanto: de sémme in sémme
per miracolo: pe möma.

Da-o Cazassa:

Pe ‘di tanto in tanto’ l’é stæto propòsto anche de quànde in quànde, mentre a paròlla möma, registrâ da-o Frixon (= Frisoni) into seu vocabolaio do 1910, a vorieiva dî Maometto. Fòscia pròpio da chi o Fabriçio De André o l’à pigiòu o sponto pe scrive, inta canson Sinàn Capudàn Pascià, o verso: giastemando Momà a-o pòsto do Segnô. Emmo parlòu anche di fùrgai (= fuochi artificiali, a-o singolare fùrgou) e da paròlla miâco (= miracolo).

Alegri!

5 Commenti

  1. Marco Rossi scrive:

    buongiorno! io ho sentito “fôgai” (coll’U italiana). penso derivi da “fórgaro”, equiv. dell’italiano “folgore”. Se si pensa alle statue di Giove col fulmine in mano nell’atto di scagliare allora si capisce come possa anche significare “fiocina”.
    “maoma” è riportato dal Casaccia ’51 (e naturalmente anche dal Bacigalupo) “mauma” dal Casaccia ’76. E concludo citando la “Gerusalemme Deliverâ” (XVII, 89):
    Che a ri ciù guappi faran veì maomma
    De Sparta , de Cartagine , e de Romma .
    buona domenica!

  2. Mirco Rossi scrive:

    Buongiorno Prof, notavo che scià scrive “miâco”. Ho fatto una riflessione: dato che i nomi che finiscono in “o” hanno il plurale in “i” (camio-cami, ecc.), e dato che “miâco” fa pluarale “miâcoi”, non è che forse va scrito al singolare “miâcoo”? Altrimenti farebbe “miâci”; con lo stesso criterio anche “erbo” o “viddo”, scritti così, darebbero “erbi” e “viddi”, invece che “erboi” e “viddoi”. Ci dev’essere qualcosa che non va in quella scrittura. Mi sa dire? Un saluto!

    • Franco.Bampi scrive:

      Inta scritua “uzo Cazassa” e paròlle che finiscian con doe ‘o’ no son goæi: miâcoo, erboo, seuxoo, spipoo (= mingherlino), e no me ne vegne in cheu atre. L’italian ‘vedovo’ o Cazassa o tradue viduo e in grafia ofiçiâ se scrive vìdoo, comme tutti dixan perché ‘vìddo’ no o dixe nisciun. E chi l’é o ponto: a grafia ofiçiâ a scrive e paròlle comme se dixan e se dixe erbo e no erboo, miaco e no miacoo, seuxo e no seuxoo, spìppo e no spipoo. O plurale? No ghe ninte da fâ: erboi, miacoi, seuxoi, spipoi. E donque son plurali iregolari! E chi a grafia a no gh’intra ninte: son i zeneixi che parlan coscì! Caxo mai a l’é ‘na forsatua scrive erboo, ecc., che nisciun dixe, solo pe avei o plurale regolare.

  3. Mirco Rossi scrive:

    Grassie Prof, sempre chiaro! Plurali irregolari. Un saluto!

Lascia un commento

L’inportansa da grafia ofiçiâ

L’amigo Zòrzo Òdon o l’é stæto protagonista de ’n interesante esperimento de letua e conversaçion dov’o l’à provòu a mostrâ

Lescico e scintasci

Devo famene ’na raxon e pigiâ nòtta che tanti pensan che quande se parla do zeneize tutto va ben. In

A lengoa leteraia

A lengoa leteraia

Se ne sente parlâ e de spesso no s’acapisce cöse s’intende quande se dixe: lengoa leteraia. Ma cöse diascoa a

È corretto cambiare la grafia dell’autore che si cita?

Inte questo comento o Marco Rosci, dòppo avei lezuo quello che gh’é scrito chi: “No moiò tutto arrëo” cit. da

CATEGORIE

Link utili

Search

Archivio