Venerdì trei de marso: in gio a-a töa: a Croxe Gianca de Mignanego, a coltua l’Izoa do Canton e e conversaçioin a-a Biblioteca Berio

4 mar 2017 by Franco.Bampi, 10 Commenti »

L’amigo Giorgio Oddone (l’Òdón), ch’o reçita brilantemente co-a Compagnia teatrale San Fruttuoso, o l’é anche l’animatô de ’n gruppo de conversaçion in zeneize ch’o se rionisce a-a Berio in zeuggia sci e ’n zeuggia no. Pe poei fâ parlâ tutti o gruppo o no deve avei tròppe personn-e: ’na dêxenn-a son za tante. Se se veu estende questa esperiensa ch’a pâ beliscima, òcore avei ciù animatoî. Pe questo da Liguria Ancheu l’Òdon e mi emmo fæto l’apello pe çercâ personn-e bonn-e a parlâ o zeneize, co-ina conoscensa da poeilo mostrâ, pe inandiâ atri gruppi de conversaçion de mòddo da arvî a parteçipaçion a tutti quelli che dexideran avei di incontri pe parlâ in zeneize. Se quarchedun o l’é interesòu a fâ l’animatô de ’n gruppo, o peu scrivime a franco@francobampi.it

Tantiscime e paròlle. Mi ho domandòu comme se dixe in zeneize ‘nasone’ e ‘vocione’. Tante son stæte e rispòste e quæxi tutte corette: nasone = nazón, canàpia, nàpia, caróbba; vocione = voxón, tìbba; quest’urtima paròlla a porieiva vegnî da-o latin tuba (= tromba). Ò domandòu ascì comme se tradue in italian l’esprescion zeneize fâ dànno; solo in trei an provòu a risponde e an dæto a rispòsta giusta. Lascemmo risponde a-o Cazassa.

M’é stæto domandòu comme se dixe in italian batôza (= monella); o Franco de Borgomâ sta vòtta chi o m’à domandòu doe paròlle façili: salamandra (= scilvèstro) e ramarro (= lagheu). Coiozo o mòddo de dî: se ceuve margaitin te s’infian inti cavelli; i margaitin son de balette de veddro picinette e coloræ, pertuzæ de mòddo da poeile infiâ inte ’n fî e fane ’na colann-a; pe questo quella fraze a se diva a chi aiva i cavelli driti.

Primma de finî devo mençionâ de ’n bacco, do quæ n’aivimo parlòu confuzamente a vòtta pasâ, ch’o serve pe fâ i groppi pe ligâ o carego a-o caro co-a carateristica che basta levalo pe desfâ tutti i groppi e liberâ o carego. Graçie a l’interesamento do Lucca Tore de Cazella, son in graddo de mostra ’na fotografia do torsiòu

perché coscì o se ciamma quello legno

Alegri!

10 Commenti

  1. GAMBARO TULLIO scrive:

    professore,vorrei contarle di un fatto avvenuto circa sessantanni fa;ero molto amico di una giovane avvocato forse 1955 ,una mattina l’incontrai sul tram e mi disse vieni a sentirmi in pretura (allora in via Serra)oggi difendo una signora dall’uccusa di diffamazione,
    naturalmenti ci sono andato
    l’imputata era accusata di aver detto ad un’altra signora -SCHEN RUTTU
    per farla breve il pretore chiese poi un esperto di detti e fatti genovesi. in un altra seduta l’esperto disse.che in genovese SCHEN RUTTU voleva dire
    IN SCHEN U SE RUMPE SUN DA ESE MONTOU
    inutili dire che la mia amica perse la causa
    le dico questo perche io o assistito personalmte al fatto,e fu parlato quasi tutto in genovese,altri tempi,io o lavorato a Ca De Pitta dove la lingua ufficiale era il genovese
    l’italiano serviva per i commercianti che venivano da altre province
    certi episodi ora non esistono più
    grazie per quello che fa per Genova e i pochi veri genovesi rimasti

    • Franco.Bampi scrive:

      Divertente, a-o manco pe noiatri che a lezemmo ancheu.

      Pe-o zeneize parlòu semmo in tanti che se demmo da fâ: mi conto che ghe riesciemo.

      Alegri!.

    • Marco Rossi scrive:

      Ma che bell’aneddoto, grazie Tullio!
      Chissà se anche il pretore parlava genovese. E chissà chi era l’esperto. E chissà cosa han scritto negli atti. Mi viene in mente “O sciô Ballaclava” del Marzari, o “L’avvocato Patella” del De Franchi, anzi, “Ro legatario universale”, dove al notaio Massamoro parlavano in genovese e lui scriveva direttamente in italiano, ai tempi della repubblica! ( https://books.google.it/books?id=nDQ_AAAAYAAJ&printsec=frontcover&hl=it pag.110 e 126) . Un po come gli altoatesini che parlano tirolese, ma in tribunale gli atti se li scrivono in tedesco, in Italia! Quante considerazioni ci sarebbero da fare in tema di identità linguistica e identità nazionale.

      Ah… Prof., ehm… le concordanze…

      • Franco.Bampi scrive:

        A cös’o se riferisce? Mi ò za coretto ‘e’ margaitin con ‘i’ margaitin. Gh’é quarcös’atro?

        • Marco Rossi scrive:

          Magari mi sbaglio, ma mi sembra che in genovese, i giorni della settimana femminili siano ben due: la domenica e il giovedì (“giovia” o “giobbia”?)

          Comunque son solo sviste, e si possono rapidamente correggere senza doverne per forza segnalare l’avvenuta rettifica all’interno del testo: i vantaggi del formato digitale!

          Altro discorso per il formato cartaceo, dove sovente ci sarebbe bisogno di andare a distribuire agli sventurati acquirenti qualche errata-corrige, giusto per limitare i danni.

          Per fare un esempio, in un articolo di un anno fa dell’ottimo Canessa a proposito della Wikipedia ligure ( http://www.ilsecoloxix.it/p/cultura/2016/03/13/ASLHY3wB-wikipedia_progetto_poliglotta.shtml ) si ironizzava sul fatto che in una voce il “moto” della Luna fosse definito “boghezzo” ( https://lij.wikipedia.org/wiki/Lunn-a ). Son convinto che l’intrepido autore della voce enciclopedica avesse tra le mani il dizionarietto italiano – genovese – italiano Toso – Vallardi – 1998, dove il lemma “movimento” viene tradotto solo con “boghezzo”.

          È anche per questo che io me ne sto sull’antico, e son così diffidente verso le nuove pubblicazioni in genovese.

          • Franco.Bampi scrive:

            L’é vea: a l’antigo zeuggia a l’ea femininn-a, e coscì o a registra o Cazassa. Ma mi l’ò de longo sentia adêuviâ comme paròlla mascolinn-a, levòu quarche scrito do pasòu.

          • Marco Rossi scrive:

            Ha ragione il prof. Bampi e mi dichiaro anch’io vittima dei dizionari. Son andato ai giardinetti a far stalking ai vecchietti e tutti mi han detto “zeuggia grasso”, “zeuggia santo”, “tutti i zeuggia do meize”. Praticamente è maschile e invariabile. Forse Gian Giacomo Cavallo sarebbe inorridito davanti a queste concordanze, ma non lo sapremo mai.

  2. Caterina scrive:

    Salùi a tutti.
    Dato che ho zâ dìtto quéllo che gh’ëa da dî pe’ telefono,ripìggio o discorso da “sàsoa”.
    Còmme dīxe o Zorzo,segùo ch’a servìva anche pe’ “agottâ” l’aêgoa de’n da bàrca,ma no solo doppo ‘i méixi invernali. Poéiva dàse anche che o se ghe arvìsse una falla durante ‘a navegaziòn e allòa i dīvan : “O negâ o agottâ ” e i se dāvan da fâ .Quésto modo de dî o l’é stòu adeûviou anche pe’ de situaziòn no ciü mainésche,ma sempre de pericolo da vìtta ,donde beseûgnàva dāse da fâ strénzendo ‘i dénti còmme ‘i mainaê,se o se voéiva sciortìne. Alégri.

  3. Zòrzo scrive:

    Brava Caterina, tùtto vêo, anche o mòddo de dî, ò fæto solo l’ezenpio ciù senplice, ma
    a sàsoa in barca ghe l’àimo senpre, co-a sperànsa de no dovéila adêuviâ
    Alegri!

  4. [...] legno ch’o finisce o teito. Quarchedun o l’é ritornòu in sce ’n’atra paròlla, torsiòu (anæ a leze chi cös’o l’é), dindo che se dixe tavélla. Ma pò-u Cazassa a tavella a l’é ‘’n’atra [...]

Lascia un commento

Roberta Alloisio

Roberta Alloisio

Quande l’ò saciuo so-arestòu de natta. Me paiva inposcibile, no poeiva ese a veitæ. Ma purtròppo a l’ea pròpio coscì:

O Tondo de Natale

O Nicòlla Baçigalô o n’a lasciòu ’na longa poexia in sce cöse se mangiava a Natale (ò, con paròlla ciù

Paròlle antighe?

Veuggio arvî ’na discuscion in sce ’n comento ch’o l’é chi a-o numero 33. Me pâ che o tema tocòu

No scordemmose chi semmo

In sce l’urtimo Boletin da Compagna l’é sciortio questo mæ tòcco che m’è cao riprodue chi in sciô blog. Pe

CATEGORIE

Link utili

Search

Archivio