Venerdì trei de marso: in gio a-a töa: a Croxe Gianca de Mignanego, a coltua l’Izoa do Canton e e conversaçioin a-a Biblioteca Berio

4 mar 2017 by Franco.Bampi, 10 Commenti »

L’amigo Giorgio Oddone (l’Òdón), ch’o reçita brilantemente co-a Compagnia teatrale San Fruttuoso, o l’é anche l’animatô de ’n gruppo de conversaçion in zeneize ch’o se rionisce a-a Berio in zeuggia sci e ’n zeuggia no. Pe poei fâ parlâ tutti o gruppo o no deve avei tròppe personn-e: ’na dêxenn-a son za tante. Se se veu estende questa esperiensa ch’a pâ beliscima, òcore avei ciù animatoî. Pe questo da Liguria Ancheu l’Òdon e mi emmo fæto l’apello pe çercâ personn-e bonn-e a parlâ o zeneize, co-ina conoscensa da poeilo mostrâ, pe inandiâ atri gruppi de conversaçion de mòddo da arvî a parteçipaçion a tutti quelli che dexideran avei di incontri pe parlâ in zeneize. Se quarchedun o l’é interesòu a fâ l’animatô de ’n gruppo, o peu scrivime a franco@francobampi.it

Tantiscime e paròlle. Mi ho domandòu comme se dixe in zeneize ‘nasone’ e ‘vocione’. Tante son stæte e rispòste e quæxi tutte corette: nasone = nazón, canàpia, nàpia, caróbba; vocione = voxón, tìbba; quest’urtima paròlla a porieiva vegnî da-o latin tuba (= tromba). Ò domandòu ascì comme se tradue in italian l’esprescion zeneize fâ dànno; solo in trei an provòu a risponde e an dæto a rispòsta giusta. Lascemmo risponde a-o Cazassa.

M’é stæto domandòu comme se dixe in italian batôza (= monella); o Franco de Borgomâ sta vòtta chi o m’à domandòu doe paròlle façili: salamandra (= scilvèstro) e ramarro (= lagheu). Coiozo o mòddo de dî: se ceuve margaitin te s’infian inti cavelli; i margaitin son de balette de veddro picinette e coloræ, pertuzæ de mòddo da poeile infiâ inte ’n fî e fane ’na colann-a; pe questo quella fraze a se diva a chi aiva i cavelli driti.

Primma de finî devo mençionâ de ’n bacco, do quæ n’aivimo parlòu confuzamente a vòtta pasâ, ch’o serve pe fâ i groppi pe ligâ o carego a-o caro co-a carateristica che basta levalo pe desfâ tutti i groppi e liberâ o carego. Graçie a l’interesamento do Lucca Tore de Cazella, son in graddo de mostra ’na fotografia do torsiòu

perché coscì o se ciamma quello legno

Alegri!

10 Commenti

  1. GAMBARO TULLIO scrive:

    professore,vorrei contarle di un fatto avvenuto circa sessantanni fa;ero molto amico di una giovane avvocato forse 1955 ,una mattina l’incontrai sul tram e mi disse vieni a sentirmi in pretura (allora in via Serra)oggi difendo una signora dall’uccusa di diffamazione,
    naturalmenti ci sono andato
    l’imputata era accusata di aver detto ad un’altra signora -SCHEN RUTTU
    per farla breve il pretore chiese poi un esperto di detti e fatti genovesi. in un altra seduta l’esperto disse.che in genovese SCHEN RUTTU voleva dire
    IN SCHEN U SE RUMPE SUN DA ESE MONTOU
    inutili dire che la mia amica perse la causa
    le dico questo perche io o assistito personalmte al fatto,e fu parlato quasi tutto in genovese,altri tempi,io o lavorato a Ca De Pitta dove la lingua ufficiale era il genovese
    l’italiano serviva per i commercianti che venivano da altre province
    certi episodi ora non esistono più
    grazie per quello che fa per Genova e i pochi veri genovesi rimasti

    • Franco.Bampi scrive:

      Divertente, a-o manco pe noiatri che a lezemmo ancheu.

      Pe-o zeneize parlòu semmo in tanti che se demmo da fâ: mi conto che ghe riesciemo.

      Alegri!.

    • Marco Rossi scrive:

      Ma che bell’aneddoto, grazie Tullio!
      Chissà se anche il pretore parlava genovese. E chissà chi era l’esperto. E chissà cosa han scritto negli atti. Mi viene in mente “O sciô Ballaclava” del Marzari, o “L’avvocato Patella” del De Franchi, anzi, “Ro legatario universale”, dove al notaio Massamoro parlavano in genovese e lui scriveva direttamente in italiano, ai tempi della repubblica! ( https://books.google.it/books?id=nDQ_AAAAYAAJ&printsec=frontcover&hl=it pag.110 e 126) . Un po come gli altoatesini che parlano tirolese, ma in tribunale gli atti se li scrivono in tedesco, in Italia! Quante considerazioni ci sarebbero da fare in tema di identità linguistica e identità nazionale.

      Ah… Prof., ehm… le concordanze…

      • Franco.Bampi scrive:

        A cös’o se riferisce? Mi ò za coretto ‘e’ margaitin con ‘i’ margaitin. Gh’é quarcös’atro?

        • Marco Rossi scrive:

          Magari mi sbaglio, ma mi sembra che in genovese, i giorni della settimana femminili siano ben due: la domenica e il giovedì (“giovia” o “giobbia”?)

          Comunque son solo sviste, e si possono rapidamente correggere senza doverne per forza segnalare l’avvenuta rettifica all’interno del testo: i vantaggi del formato digitale!

          Altro discorso per il formato cartaceo, dove sovente ci sarebbe bisogno di andare a distribuire agli sventurati acquirenti qualche errata-corrige, giusto per limitare i danni.

          Per fare un esempio, in un articolo di un anno fa dell’ottimo Canessa a proposito della Wikipedia ligure ( http://www.ilsecoloxix.it/p/cultura/2016/03/13/ASLHY3wB-wikipedia_progetto_poliglotta.shtml ) si ironizzava sul fatto che in una voce il “moto” della Luna fosse definito “boghezzo” ( https://lij.wikipedia.org/wiki/Lunn-a ). Son convinto che l’intrepido autore della voce enciclopedica avesse tra le mani il dizionarietto italiano – genovese – italiano Toso – Vallardi – 1998, dove il lemma “movimento” viene tradotto solo con “boghezzo”.

          È anche per questo che io me ne sto sull’antico, e son così diffidente verso le nuove pubblicazioni in genovese.

          • Franco.Bampi scrive:

            L’é vea: a l’antigo zeuggia a l’ea femininn-a, e coscì o a registra o Cazassa. Ma mi l’ò de longo sentia adêuviâ comme paròlla mascolinn-a, levòu quarche scrito do pasòu.

          • Marco Rossi scrive:

            Ha ragione il prof. Bampi e mi dichiaro anch’io vittima dei dizionari. Son andato ai giardinetti a far stalking ai vecchietti e tutti mi han detto “zeuggia grasso”, “zeuggia santo”, “tutti i zeuggia do meize”. Praticamente è maschile e invariabile. Forse Gian Giacomo Cavallo sarebbe inorridito davanti a queste concordanze, ma non lo sapremo mai.

  2. Caterina scrive:

    Salùi a tutti.
    Dato che ho zâ dìtto quéllo che gh’ëa da dî pe’ telefono,ripìggio o discorso da “sàsoa”.
    Còmme dīxe o Zorzo,segùo ch’a servìva anche pe’ “agottâ” l’aêgoa de’n da bàrca,ma no solo doppo ‘i méixi invernali. Poéiva dàse anche che o se ghe arvìsse una falla durante ‘a navegaziòn e allòa i dīvan : “O negâ o agottâ ” e i se dāvan da fâ .Quésto modo de dî o l’é stòu adeûviou anche pe’ de situaziòn no ciü mainésche,ma sempre de pericolo da vìtta ,donde beseûgnàva dāse da fâ strénzendo ‘i dénti còmme ‘i mainaê,se o se voéiva sciortìne. Alégri.

  3. Zòrzo scrive:

    Brava Caterina, tùtto vêo, anche o mòddo de dî, ò fæto solo l’ezenpio ciù senplice, ma
    a sàsoa in barca ghe l’àimo senpre, co-a sperànsa de no dovéila adêuviâ
    Alegri!

  4. [...] legno ch’o finisce o teito. Quarchedun o l’é ritornòu in sce ’n’atra paròlla, torsiòu (anæ a leze chi cös’o l’é), dindo che se dixe tavélla. Ma pò-u Cazassa a tavella a l’é ‘’n’atra [...]

Lascia un commento

Lescico e scintasci

Devo famene ’na raxon e pigiâ nòtta che tanti pensan che quande se parla do zeneize tutto va ben. In

A lengoa leteraia

A lengoa leteraia

Se ne sente parlâ e de spesso no s’acapisce cöse s’intende quande se dixe: lengoa leteraia. Ma cöse diascoa a

È corretto cambiare la grafia dell’autore che si cita?

Inte questo comento o Marco Rosci, dòppo avei lezuo quello che gh’é scrito chi: “No moiò tutto arrëo” cit. da

Roberta Alloisio

Roberta Alloisio

Quande l’ò saciuo so-arestòu de natta. Me paiva inposcibile, no poeiva ese a veitæ. Ma purtròppo a l’ea pròpio coscì:

CATEGORIE

Link utili

Search

Archivio