Zeneize con doe zitte

4 ago 2016 by Franco.Bampi, 11 Commenti »

Me son demoòu a fâ ’n zeugo in sce FaceBook e ò scrito sta domanda chi:
«Demoa d’agosto: quæ a l’é a traduçion in zeneize da paròlla italiann-a ‘fase’?»
Pöi ò azonto, quæxi a fise ’na minaccia:
«P.S. A cösa a no finisce chi…»
E defæti son chi a scrive a continoaçion.

Comenso co-o dî che chi à rispòsto in sce FaceBook o s’é domandòu cöse voeiva dî ‘fase’: magara o plurale feminin da fâso (= falso), òpure a forma verbale fâse (= farsi): fâse mâ. Quarchedun o l’à pensòu a-e ‘fasi’ do motore a scceuppo ò a quelle da lùnn-a. Pe questo son intervegnuo pe precizâ megio:
«A paròlla ‘fase’ a l’é italiann-a e a s’adeuvia in fraze comme: “questa fase della mia vita”, “è una fase critica”, “non sono in fase”, ecc. No gh’intra ninte “falsa”, “farsi”, ecc.»
Quarchedun o l’à dito de dêuviâ a mæxima paròlla de l’italian e un o l’à scinn-a scrito: FAZE. Gh’é pöi chi l’à dito de dêuviâ moménto: son inte ’n bello momento da mæ vitta (= sono in una bella fase della mia vita); però, dixe o Peo Costantini, se t’intendi ‘fase’ eletrica, aloa no se peu fâ atro che dîghe ‘faze’.

Ecco, òua son chi a spiêgâ o perché de sta domanda e son contento de vedde che quarcösa l’é za sciortio inte rispòste che l’é stæto dæto.

Pe primma cösa ve diggo che mi traduo ‘fase’ con fâze ò con moménto, quand’o ghe sta. E l’é pròpio a paròlla fâze ch’a l’é interesante da ezaminâ in paragon a-a paròlla fâse. Comme s’é visto chi de d’ato, a paròlla zeneize fâse a gh’à doî scignificati in italian: ‘farsi, false’. Sucede. Basta pensa a seu (= suo, sorella), séi (=siete, sapete), ecc. Son paròlle che se scrive pæge perché se prononçian pæge. A paròlla fâze (= fase) a se dixe despægia da fâse (= farsi, false) e a se scrive, giustamente, despægia. E aloa che problema gh’é? Tutto ciæo no?

E no! Se s’adòtta a “regola stranbalâ” de scrive o son [z], quello de doe zitte da paròlla zenéize, co-a letia ‘s’ quand’o l’é tra doe consonante, aloa scceuppa ’n goâo (= guaio, controlæ in sciô Cazassa)! Eh za, perché a “regola stranbalâ” a l’é sta chi:
s: come la “s” di “sera” se preceduta dal segno di lunghezza e nei composti: altrimenti semplice tra le vocali suona come in “rasoio”
Òua fâze (= fase) a gh’à a primma ‘a’ longa e quindi, a segoî a “regola stranbalâ”, a l’anieva scrita ‘fâse’: aviescimo coscì ’na sola paròlla zeneize ‘fâse’ ch’a l’anieiva lezua in doî mòddi diferenti e ch’a vorieiva dî træ cöse diferenti! Ecco perché a grafia ofiçiâ a l’à çernuo ’n’atra regola ch’a permette de distingoe coretamente a prononçia e o scignificato de paròlle zeneixi.

Za che ghe son, veuggio concludde sto tòcco chi co-o segnalâ atre træ paròlle che no rispettan a “regola stanbalâ”. E parolle son: îzoa (che scrita ‘îsoa’ a l’anieiva lezua co-a ‘s di sera’), resâto e diségno che se dixan tutte doe co-a ‘s di sera’ ma che a “regola stranbalâ” a l’inponieiva de leze co-a ‘s di rasoio’. Veuggio falo notâ ancon ina vòtta: in zeneize bon, quello con doe zitte, a paròlla diségno a va dita co-a ‘s’ da paròlla sàcco e no comme in italian co-a ‘s di rasoio’.

Alegri!

11 Commenti

  1. Acquarone scrive:

    Mi scrivo ‘fâse’ (farsi), ‘fäse (false) e fase (fase). No gh’é problema ni contraddiçion!

  2. Acquarone scrive:

    La ‘s come sera’ solo se preceduta da segni di lunghezza o nei composti, come in italiano e nelle altre lingue (preselezione, asintomatico, ecc.). Atri scistemi va ben o mæximo. Sto chì o l’é bello, perché s’avansa de scrive ‘cazin’ e atre cöse stranie. Scignoria!

  3. Enrico scrive:

    A a de l’talian farsi i zeneize a se doriæ scrive con a dieresi pe indicâ che a l’è lunga in quante l’è cheita ‘na consonante doppo comma anche a parolla fäse (false). Quella elettrica o do motore a sccieuppo a l’ ‘na faze.

  4. pep scrive:

    capiscio o problema di Fâse/fâze, ma “re-sâto” e “di-ségno” (ch´a se crive con doe “s” in catalan: disseny) no se porieivan consciderâ pòule conpòste -e quindi a regola a va ben perche a no l´inpone de lezile co-a “s” di rasoio?

    • Franco.Bampi scrive:

      No saviæ ben cöse dî pe-e paròlle conpòste, perché a grafia ofiçiâ a no l’à bezeugno de fâ queste analixi. In generale mi diggo che se o scistema de scritua e de letua o domanda de fâ l’analixi gramaticale, etimologica e stòrica pe savei comme scrive e paròlle, aloa quello scistema o l’è da caciâ inta rumenta! E l’é ezatamente quello che sucede co-a “regola stranbalâ”. In scistema o fonçionn-a se comme ti sæ prononçiâ e paròlle ti sæ scrivile ascì. E l’è quello ch’a fa a grafia ofiçiâ, ma l’è quello che sucede anche pe-a lengoa italiann-a.

      • Acquarone scrive:

        Pe caitæ, liberi de pensâ comme se veu, ma l’é da dî che in italian ascì (coscì comme inte tutte e lengue) beseugna appensâse un pittin avanti de scrive e de leze, se no se conosce a lengua: proficuo-obliquo-vacuo-cuore-quadro, ecc; asola-asintomatico-risolvere-risalto, ecc.; mezzo-mazzo ecc.; acqua-soqquadro, e coscì via
        In quanto a-o zeneise, a regola che ti ciammi ‘strambalâ’ a l’é fruto da tradiçion, e no se l’an inventâ de seguo quelli scrivan in sciô Secolo. Do resto, levou dötræ ambiguitæ che sempre gh’en inte scrïtue de lengue, comme emmo visto, a fonçioña perfettamente.
        Donca, se peu portâ di argomenti à favô ò contra un critëio ò un atro, ma savendo che van ben tutti doî.
        Salui!

  5. Marisa Saragni scrive:

    Ho bello capìo che mì sun in te ‘nà fase che nò capiscio o da fase!
    Bungiurno, sciò Bampi
    (Se u capisce, ancun da sè, perchè mì nò sò scrìve, manco abrettio!)
    Marisa Saragni

  6. Peo scrive:

    No sémmo ciù parlâlo o zeneize, figuase scrîvilo! Se stemmo a fâ e prûxe a ògni paròlla che emmo da scrive, semmo belli che anæti! Perché se in zeneize scrivo “casa”, mi penso che tutti o dîan inta mainea giusta; ma se scrivo angæso, un ch’ou parla licche lacche e magara o veu inprende, o me prononçiâ quella s con a s di “sacco”. Aloa scrivo diretamente “caza” e “angæzo”.
    A-o manco a grafia ofiçiâ a te da ‘na drîta deciziva: ògni léttia a gh’à quello (e solo quello) són. Ghe veu pöco in davéi, se gh’ariêscio mi, che in cà m’àn de longo mostròu l’italian e ò dovuo fâ pratica pe conto mæ pe parlâ e scrive in pö de zeneize.

  7. Marco scrive:

    Bongiórno profesô,
    ho letto con piacere il suo interessante intervento, che mi spinge a due osservazioni.

    Innanzitutto, da affezionato lettore dei suoi libri, ho appena finito di leggere quello (bellissimo!) sui modi di dire. Ivi ho notato che l’italiano “suo” viene sempre tradotto con “sò”, da leggersi dunque con la O di Otranto. Però io ho sempre detto “seu”, che in effetti nel compare sia qui sopra nel suo testo, sia nell’utilissimo TIG insieme alla versione alternativa “so” – quest’ultimo da pronunciarsi colla U di Ustica a rigor di logica. Esistono davvero tutte e tre le possibilità?

    Seconda riflessione, legata sia alla prima sia a quanto scritto da lei. È innegabile che la grafia ofiçiâ abbia svariati vantaggi riguardo l’univocità, ma anche uno svantaggio pesantissimo. Leggendo il suo libro ho trovato ovviamente un mucchio di parole che già conoscevo, insieme ad altre che non avevo mai sentito e che mi sono sforzato di pronunciare correttamente. Il problema è che, quando queste ultime contenevano o-ò-ó-ö-ô, praticamente a ogni pagina io dovevo sospendere la lettura e andare a controllare nel compendio iniziale se la pronuncia corretta era O oppure U! Il mio accoratissimo appello è pertanto di modificare le regole usando due lettere diverse per i due suoni. Se proprio non si vuole utilizzare la Y per il terzo suono, perché non usare un’altra lettera ancora inutilizzata oppure un carattere a sé sulla falsariga di æ?

    Viva Zena e viva a Liguria!

    • Franco.Bampi scrive:

      Voscià, cao Marco, sciâ ponn-e doî problemi iteresanti.

      Comensemmo co-o primmo, quello di posesivi. Intanto, ò coretto o TIG: se scrive e se dixe solo sò, co-a [O] de Otranto. A scritua ‘so’ sensa l’acento (co-a ‘o’ da leze [u]) a l’é stæta fæta da-o coretô de ‘access’: no ghe verso: pe faghe scrive sò bezeugna dî de ripristinâ l’acento se no o scriviâ in eterno so! Òua ò coretto e sto problema, che no me n’eo acòrto, o no gh’é ciù. Graçie pe-a segnalaçion.
      Pe l’uzo de ‘seu’ e ‘sò’, che veuan dî a mæxima cösa e che s’adeuvian into mæximo mòddo, chi parla zeneize giudica ‘sò’ ciù borgheize e ‘seu’ ciù popolare. Mi diggo ‘seu’ comme voscià.

      Vegnimmo òua a-o segondo problema, quello da ‘o’. Intanto diggo subito che a grafia ofiçiâ a l’à rinonçiòu a dêuviâ a ‘y’ pe-o son [y], quello da ‘u françeize’, perché e paròlle cangieivan davei tanto: prezenpio ‘tutto’ o l’anieiva scrito ‘tyttu’. Inte sto mòddo chi, chi inparesse a grafia co-a y no saieiva ciù bon a leze i testi clascichi, mentre chi conosce a grafia ofiçia o i peu leze sensa problemi, solo con qualche dificoltæ pe savei a prononçia ezatta.
      Do resto no l’é coscì difiçile aregordase a regola: l’acento grave (ò) arve senpre o son, quello acuto (ó) o o særa senpre. O circonflesso o l’alonghisce senpre o son da vocale “sensa” acento. Dæto che ‘o’ o se leze [u], ô o se leze ‘[u] longo’. Resta feua ö ch’o se leze [O] longo. A dila sccetta, no me pâ goæi giamin.

      Alegri!

  8. Caterina scrive:

    Salùi ao Franco e a tutti .
    Arìvo pe’ ürtima, perché no m’ē stato poscìbile léze prima ‘a “Demoa d’Agosto”.
    Me pâ che “fase”-zeneize “fâze”- a vàgghe ben tradûta in zeneize con ” momento,parte, periodo” e fìnna “tocco” ; me pâ ch’a vàgghe lasciâ “fâze” quande se veû dî “fase elettrica”. Ciutòsto, “momento” in italiãn , a no l’é anche una paròlla da fìxica ? E chi,voéndo tradûla in zeneize, còmme se peû fâ ?
    Alégri !

Lascia un commento

Wikipedia in lengoa ligure a çerca di colaboratoî

In sce l’urtimo numero do Boletin da Compagna ò scrito ‘n apello pe çercâ di colaboratoî pe Wikipedia in lengoa

Ràtto penûgo. Ma perché se dixe coscì?

Ràtto penûgo. Ma perché se dixe coscì?

In zeneize ‘pipistrello’ o se tradue ràtto penûgo ò ràtto pernûgo; chi sotta quello che scrive o Cazassa: Ma da

L’inportansa da grafia ofiçiâ

L’amigo Zòrzo Òdon o l’é stæto protagonista de ’n interesante esperimento de letua e conversaçion dov’o l’à provòu a mostrâ

Lescico e scintasci

Devo famene ’na raxon e pigiâ nòtta che tanti pensan che quande se parla do zeneize tutto va ben. In

CATEGORIE

Link utili

Search

Archivio